Festival del Cinema Venezia 2010: programma straordinario!

Il Festival del Cinema di Venezia, edizione 2010, ha un programma straordinario: protagonisti Gassman, Vallanzasca e Tarantino.

di Alice Coccia

mostra-del-cinema-di-venezia

Anche quest’anno Venezia torna ad essere il proscenio di una delle più importanti manifestazioni internazionali di arte cinematografica. Il 31 agosto la proiezione di Profumo di donna, di Dino Risi (1974), ha inaugurato la preapertura della 67esima edizione del Festival di Venezia, in onore del programma speciale dedicato a Vittorio Gassman a 10 anni dalla sua scomparsa. Verrà infatti proiettato il documentario Vittorio racconta Gassman – una vita da mattatore, diretto da Giancarlo Scarchilli.

Il primo settembre è stato il giorno d’inizio della manifestazione, che proseguirà fino all’11 settembre, sotto la supervisione del direttore Marco Müller. La Mostra rappresenta un’importante vetrina per la scoperta della cinematografia italiana e internazionale, accompagnando lo spettatore lungo i sentieri dell’odierna cinematografia, ma non perdendo di vista le antiche orme della storia del cinema. Il Festival, infatti, esprime i differenti punti di vista di coloro che hanno voluto comunicare sentimenti, condizioni di vita e circostanze storiche attraverso la macchina da presa, ma ospita anche un libero e sincero confronto tra il passato e il presente.

Le contemporanee generazioni di registi, che attraverso il cinema rivelano il fervore della loro società, vengono accompagnate da rassegne e omaggi a personalità di spicco del passato, come incentivo ad una conoscenza e ad un’apertura idealistica verso un trascorso che non deve essere dimenticato.

I numeri della manifestazione sono straordinari: 4251 sono i titoli supervisionati da 102 paesi per consentire l’ammissione alla rassegna, di cui 2395 lungometraggi, 416 mediometraggi e 1440 cortometraggi.

4 sono le selezioni ufficiali (Venezia 67, Fuori Concorso, Orizzonti, Controcampo italiano), create per ospitare 86 lungometraggi, di cui 82 in prima mondiale e 4 in prima internazionale.

Vi è poi una sezione retrospettiva (La situazione comica – 1910-1988) e due sezioni autonome parallele ( Settimana Internazionale della Critica/ Giornate degli Autori-Venice Days).

I Premi Ufficiali verranno assegnati da 5 Giurie internazionali: Venezia 67, Orizzonti, Controcampo Italiano, Premio “Luigi De Laurentis” per un’Opera Prima e Premio Persol 3D.

In quest’ultima kermesse il cinema italiano celebra il suo talento attraverso la proiezione di ben 4 film in concorso. Iniziamo con Noi credevamo, che segna il ritorno alla regia di Mario Martone seguito da un cast d’eccezione: Toni Servillo, Luigi Lo Cascio e Luca Zingaretti. Le imprese del Risorgimento italiano vengono presentate attraverso gli occhi di tre ragazzi del Sud che decidono di arruolarsi nell’esercito mazziniano della Giovine Italia.

Dopo In memoria di me e Private, Saverio Costanzo traspone il successo letterario La solitudine dei numeri primi di Paolo Giordano, su pellicola, narrando le vicende di un amore tra due ragazzi torinesi, Mattia e Alice, “bloccato” da un muro di solitudine.

Dal teatro di denuncia tinto di rosso, l’attore, scrittore e autore teatrale Ascanio Celestini, porta sugli schermi cinematografici la vita di un paziente rinchiuso per 45 anni tra le mura di un manicomio. Giorgio Tirabassi e Maya Sansa accompagnano il regista nella sua opera La pecora nera, girata nell’ospedale psichiatrico di Santa Maria della Pietà, a Roma.

Infine è stato presentato il film La passione, di Carlo Mazzacurati, interpretato da Silvio Orlando nelle vesti di un regista che riscopre il suo lavoro dopo anni di inattività. Nel cast, Cristina Capotondi e un singolare Corrado Guzzanti nei panni di Cristo. Grande attesa per il Fuori Concorso VallanzascaGli angeli del male (guarda il video nella pagina, ndr), di Michele Placido, ispirato alla biografia del bandito degli anni ’70.

Per quanto riguarda l’aspetto internazionale della Mostra, Quentin Tarantino è stato nominato Presidente della Giuria di Venezia 2010, con il compito di esaminare i cinque film americani in concorso: Black Swan di Darren Aronofsky, Somewhere di Sofia Coppola (con Benicio Del Toro, Laura Chiatti e Simona Ventura), Road To Nowhere di Monte Hellman (con Fabio Testi), Promises Written In Water di Vincent Gallo e Meek’s Cutoff di Kelly Reichardt.

GUARDA IL VIDEO SU VALLANZASCA – GLI ANGELI DEL MALE

GUARDA UNA CLIP DI VALLANZASCA CLICCA QUI

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.