CINEMA INFILTRATO/ “Vincent”, il giovane ragazzo di Tim Burton

a cura di Donato Giannini

Dopo una breve pausa, riparte la nostra rubrica dedicata ai corti sul web. Una rassegna delle migliori produzioni indipendenti e non dei video maker di tutto il mondo. Quasi sempre nomi sconosciuti di artisti emergenti, appassionati o prodotti didattici di scuole di cinema. L’unica eccezione,  finora, era stata fatta in onore di Paolo Sorrentino e della sua “Partita lenta”. Ciò che vi proponiamo oggi è un’altra, grande, eccezione: un cortometraggio di Tim Burton, “Vincent”. Gli albori di un regista che ha influenzato l’arte contemporanea con i suoi disegni e la sua passione per le ambientazioni gotiche. 

È il 1982. Tim Burton aveva 24 anni e sei cortometraggi alle spalle. Da lì a poco il passaggio sul grandeschermovincent_img e il grande successo ad Hollywood. Lo stile iniziava a prendere forma e i lati caratterizzanti del regista americano affioravano pian piano per sfociare in quello che sarà il suo primo grande successo, Edward Mani di Forbice. Ecco allora la sua vena artistica mettersi all’opera, con lo stop-motion “Vincent”, cortometraggio dalla durata di cinque minuti in cui è riconoscibilissima l’ambientazione burtoniana, ancora acerba e troppo legata all’espressionismo tedesco di Fritz Lang.

Cupo e malinconico, Vincent è un ragazzo che vuole essere il suo idolo, Vincent Price. L’ossessione e l’odio albergano nel giovane. Un volto esausto e vicino alle tenebre. Il film è un miscuglio di elementi espressionisti e dettagli horror. Si rifà, infatti, alle opere di Edgar Allan Poe. Insieme a Tim Burton, c’è il vero Vincent Price, attore americano, voce narrante di “Vincent”. La fama dell’attore statunitense gli è stata data proprio dalla sua voce, valore aggiunto del mini-film prodotto dalla Buena Vista e di cui Burton si è avvalso per creare questo piccolo capolavoro cogliendo tutta la classe dell’allora settantaduenne americano.

È inconfondibile il percorso di Tim Burton, magico e malinconico, visionario e gotico e per molti aspetti popular. È senza dubbi, uno dei registi contemporanei più originali e istrionico.

SCHEDA TECNICA

TITOLO: Vincent

DURATA: 5’ 53’’

GENERE: Cartone Animato (tecnica dello stop-motion)

PAESE DI PRODUZIONE: America

ANNO DI PRODUZIONE: 1982

LINGUA: Inglese

DIRETTO DA: Tim Burton

GUARDA “VINCENT”

GUARDA ANCHE

“La partita lenta” di Paolo Sorrentino

“Lovefield”, l’inquietudine e la bellezza dello short film di Mathieu Ratthe

L’incantevole magia di “Out of a forest”

“Neomorphus”, la mutazione genetica nel mini-shorts di Preapostere

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.