CINEMA INFILTRATO/ “Christine”, una lotta tra amore e malinconia

Christine è un prodotto cinematografico di Aleandro Tubaldi. Girato nel 2010, a Belo Horizonte in Brasile, racconta la malinconica giornata di una ragazza disoccupata  alle prese con un compagno distratto, rude, maschilista e sommerso dal lavoro. Pochi sguardi, poche carezze e totale indifferenza. Questi gli atteggiamenti verso Christine. Difficile, quindi, nascondere la frustrazione, dovuta da un senso di abbandono e di sottomissione.

CHRISTINEDurante la giornata, mentre lui è a lavoro, lei si occupa dei lavori di casa: stende i panni, pulisce , esce a far la spesa, prepara il pranzo (per due), nella totale solitudine. Difficile, quindi, nascondere la frustrazione, dovuta da un senso di abbandono e di sottomissione. Al ritorno dal lavoro, il compagno si stende sul letto. L’indifferenza continua a fare da padrona nella mente dell’uomo. Ma un piccolo gesto d’amore sancisce la riconciliazione tra i due.

 

 
 

 

 

 

SCHEDA TECNICA

TITOLO: Christine

DURATA: 13 minuti

GENERE: Drammatico

PAESE DI PRODUZIONE: Brasile

ANNO DI PRODUZIONE: Maggio 2010

LINGUA: Film muto

 

GUARDA IL VIDEO

 

 

GUARDA ANCHE

CINEMA INFILTRATO/ "Libera Nos Ab Sacro – Contro tutte le guerre" di William Mussini

CINEMA INFILTRATO/ "Oltre le mura – Un altro mondo"

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.