SORA CESIRA/ “Io una Papi Girl? Berlusconi non ha capito la mia bellezza…”

“A Sora Cesì, a famo strana, l’intervista?” Non si tira indietro la Sora Cesira, che ci fa entrare nel suo mondo politicamente scorretto, irriverente e sarcastico.Berlusconi gay? In quel casino qualcuno gliel’ha pure appizzato.” Pare non abbia intenzione di sposarsi, “contro chi dovrei farlo?”, perché la famiglia è importante, “ma solo quella degli altri”. Ma è sul Papa che si scatena. “Speravo di ricevere una bolla di scomunica da mettere in cornice, ma ho controllato la posta e ancora niente…”

 

di Carlo Flai

sora_cesiraUna web star. Anzi. La web star del momento. Lei è Sora Cesira, “splendida” quarantenne romana. E laziale. Tanto laziale. Un genio della satira che si diverte a trasformare canzoni famose in parodie di successo. “Paparazzi” di Lady Gaga è diventata “Paparatzinger”, sferzante accusa alla Chiesa e al suo capo. Talmente sfacciata da essere censurata da Youtube. “Asereje”, tormentone estivo del 2002 targato Las Ketchup, si è evoluta in “Mannaggiammè”, beffarda versione che canta le gesta delle Olgettine.

Da quando si è messa in testa di portare nuova linfa nell’assopito mondo della satira nostrana, Sora Cesira ha avuto l’effetto di un pifferaio magico. I suoi video hanno fatto “er botto”, 4 milioni di contatti in poche settimane; il programma di Sky Uno, “Gli Sgommati”, l’ha voluta in squadra e quando entra in scena lei gli ascolti salgono del 200%.

L’Espresso, Repubblica, Il Fatto Quotidiano, il Corriere, la Rai, tutti la cercano e tutti la vogliono. O meglio. Tutti cercano di capire chi si nasconde dietro Sora Cesira. Perché lei si concede a tutti ma nessuno l’ha mai vista a volto scoperto. Non si sa nemmeno il nome. E in un mondo dove la privacy è un concetto che il pensiero non considera, risulta difficile da digerire il successo di una che non si sa nemmeno che faccia abbia. Che sia talmente talentuosa da non avere bisogno di mostrare tette e culi?

Per capirlo bisogna fare una cosa sola. Intervistare Sora Cesira. Il personaggio, non la persona. E questa è la prima (e per ora unica…) intervista in cui lei si scatena in tutto il suo repertorio e ci regala delle chicche di valore inestimabile.

Con una precisazione: si parla romano…


Allora, Sora Cesì, a famo strana l’intervista?

E certo, come a volemo fa sennò.

E allora partiamo subito col piede giusto. Forza Romaaaa.

(grassa risata) Te ne approfitti perché stai al telefono, eh?

Puoi dare qualsiasi risposta vuoi.

Nooo! Ma io sono una signora. E tu invece sei vigliacco.

A Sora Cesì, non solo grassa…pure laziale!

Però hai visto che tutina?

Ma un laziale fa il saluto romano, mica la satira sul bunga bunga.

E chi te l’ha detto? Il laziale è come lo vedi te, è un essere superiore. E poi ancora cò ‘sta storia del laziale che è dei paesi, è di periferia, è di destra. Ma chi t’ha detto? 

Grassa come sei non potevi certo aspirare al ruolo di papi girls. Non è che fai ‘sti video perché stai a rosicà?

Guarda che io ci sono andata ad Arcore, a fare il provino.

E com’è andata?

M’hanno sparato! Mi sono presentata con la tutina, quella che c’ho sul blog, no?

Si.

Mi sò presentata lì all’ingresso e le guardie m’hanno sparato addosso.

E perché?

Non hanno colto la bellezza. Interiore.

Sora Cesì, film preferito?

Eh, ce ne stanno troppi.

I bene informati dicono che ti piaccia tanto “Eiaculazione da Tiffany”…

E pure “Biancaneve sotto i nani”, quello è bellissimo.

Non riesco a immaginare qual è la scena che t’è piaciuta di più…

Il pezzo da Tiffany! La fine….

A Sora Cesì, da quando stai a fà la blogger 4 mijoni d’italiani hanno visto i video. ‘Ndo cazzo annamo co’ sta marea de rincojoniti?

Cò quali? Cò quelli c’hanno visto i VIDEI, o cò l’artri?

Cò tutti e due.

Secondo me non annamo proprio da nessuna parte. Guarda, nel dicembre 2012 i Maya dicono che ci sarà una grande sciacquata. E secondo me è provvidenziale.

E mò t’hanno chiamato pure a Sky: voglia de lavorà sartame addosso.

Si, si sartame sempre addosso. E però che devo fa, m’è sartata addosso e quindi devo fà finta.

Ma ‘sti testi quanno te vengono?

Ci credi se ti dico che mi vengono così? C’ho st’anima cazzara. Lo so che sei invidioso!

Chi è più gay, Sora Cesira o Berlusconi?

È ‘na bella lotta, eh. La Sora Cesira vorrebbe tanto essere gay, però non esercitando la professione sessuale, o meglio, atti sessuali dal lontano 1971, penso che sia più gay Berlusconi, che almeno qualcosa fa. E secondo me in quel gran casino qualcuno gliel’ha appizzato pure.

Chi è più stronza, Sora Cesira o la Santanchè?

La Santanchè è un genio. Quindi per esclusione…

Hai detto che pensi che dio esista, ma la chiesa come suo manager fa schifo: chi è ‘er tuo pusher?

Il mio?

Si.

Io produco in casa, perché ho scoperto che l’outsourcing non funziona. Mi faccio le mie coltivazioni a casa, che almeno so bene quello che vado ad assumere.

Quanno te sposi?

Innanzitutto contro chi? E poi spero mai.

E perché?

Perché sono contro i contratti. Il matrimonio è un contratto eterno ma non esistono i contratti eterni. Allora o lo rinnoviamo ogni tanto ‘sto contratto, lo rinegoziamo, ma che ne so se fra vent’anni te voglio buttà de sotto?

Ma la famiglia è ‘mportante Sora Cesì…

Quella degli altri. Quella è importantissima.

Quanno la finisci de rompe li cojoni co’ sti video?

Ma mai. Scusa, perché dovrei smette? Sono anonima, quindi manco me poi venì a prende sotto casa. Prima o poi qualcuno ce verrà ma non me troverà. Quindi, finché esiste la rete e io non mi rompo i cojoni, romperò i cojoni pure a voi.

Insisto a provocarti. Lazio merda, Sora Cesì.

(grassissima risata) Ma io sono abituata a peggio! Sono laziale da una vita, c’ho 43 anni…

Tra Di Canio e Hernanes.

Per ora Di Canio. Hernanes ha tanto da dimostrare ancora. Di Canio ha già segnato ai derby e poi è laziale da sempre…

Cantante preferito.

Albano.

Libro preferito.

Il manuale delle giovani marmotte.

Ce l’hai n’aforisma che ti rappresenta.

Ah no no, sto bene in salute. Spero di non averlo mai…

Ci dici in anteprima qual è il prossimo video che stai preparando.

Penso di farne uno per il 6 aprile. Vediamo se Silvione si presenta…

Perchè hanno censurato Paparatzinger su Youtube?

Ho toccato il santo padre, adesso chissà cosa mi succede. Speravo che mi arrivasse a casa la bolla di scomunica, perché la volevo mettere in salotto. Ci fai una bella cornice…Ma ho controllato la posta, ancora non è arrivata.

E quell’improbabile cappello che ti sei messa nell’intervista su Rai Tre.

Improbabile lo dici a un altro cappello! Quel cappello è bellissimo. L’ho pagato venti eurini, ci sono andata apposta e lo sfoggerò anche questa estate. Tu non capisci la moda.

 

Ascolta una parte di “SORA CESIRA ft L’INFILTRATO”

 

LEGGI ANCHE

FRANCESCO DE CARLO/ “L’unica cosa che ancora accomuna la Chiesa e Gesù Cristo sono le mani. Bucate.”


Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.