Quando Charb manifestava contro i cattolici integralisti: “No alla paranoia contro l’Islam”

Siamo tutti Charlie Hebdo? Benissimo. E allora dobbiamo anche rispettarne la memoria, ricordando e facendo nostre le parole del Direttore Stéphane Charbonnier, detto Charb, ucciso nell’agguato terroristico del 7 gennaio scorso. Ecco un video in cui Charb manifestava contro i cattolici integralisti e le loro paranoie anti-Islam, riportato da Francesca Barca su Agoravox.

 

Stéphane Charbonnier, Charb, era il direttore di Charlie Hebdo. Lo scorso 7 gennaio è morto, insieme ad altre 11 persone, nella redazione della rivista che dirigeva.

Il teatro parigino del Rond-Point ha pubblicato sul suo sito un video di Charb che risale al 2011. Il direttore di Chalie Hebdo in quell’occasione manifestò il suo disappunto relativamente alla questione: perché i musulmani devono prendere posizione rispetto all’islamismo radicale? Tutto molto attuale. 

Nel video Charbonnier commenta l’incendio che nel 2006 ha colpito la redazione di Charlie Hebdo (dopo la pubblicazione delle vignette su Maometto, ndr) e inizia a parlare del fondamentalismo, cattolico e islamico.

«Non ci siamo lasciati andare alla paranoia (dopo l’attentato, ndr), non pensiamo che l’islamismo prenderà il potere in Francia, sappiamo molto bene che si tratta di una minoranza, che sono 15 cretini che manifestano. Chiaro che se li lasciassimo fare sarebbero di più. Stessa cosa per quanto riguarda i cattolici integralisti. (…) Non siamo diventati paranoici, ci scoccia il fatto di doverci proteggere, di fare attenzione (…) Charlie Hebdo è un giornale satirico che si oppone a tutte le Chiese a a tutti i poteri e doversi proteggere dietro una barriera non è nella nostra natura. (…)».

«Ci si preoccupa di vedere i “musulmani moderati” in Francia non reagire: questo non succede perché non ci sono musulmani moderati in Francia. Non ci sono affatto “musulmani”: ci sono persone di cultura musulmana, che rispettano il ramadan come io posso festeggiare il Natale e mangiare tacchino con i miei genitori. Ma non per questo, in tanto che musulmani moderati, devono prendere posizione contro l’Islam radicale. Non sono “musulmani moderati”, sono cittadini. E come cittadini agiscono: comprano Charlie Hebdo, ci sostengono e votano contro degli “stronzi di destra”». «Quello che mi fa incazzare è che li si interroga sempre in qualità di “musulmani moderati”. È come se mi si dicesse “Reagisci in quanto di cattolico moderato”. Non sono un cattolico moderato anche se sono battezzato. Non sono cattolico. Punto».

En passant: in quell’occasione Charb si trovava al teatro del Rond Point per solidarizzare contro una manifestazione di cattolici integralisti che non volevano che lo spettacolo “Golgota Picnic” di Rodrigo Garcia, venisse prodotto nel teatro.

I manifestanti denunciavano la “cristianofobia dilangante” e accusavano di blasfemia il regista e la direzione del teatro.

Guarda le vignette di Charlie Hebdo contro tutte le religioni.

Guarda la video testimonianza di Charb.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.