Su Facebook spuntano profili di jihadisti: ecco gli account del terrore. E uno vive a Roma

Profili Facebook di terroristi legati a Isis e Al-Qaeda

Profili Facebook di terroristi legati a Isis e Al-Qaeda

L’Italia ha occupato la Libia e se ne pentirà. Al-Qaeda minaccia l’Italia e su Facebook spuntano profili di jihadisti che vivono in Italia.

Al-Qaeda avrebbe minacciato l’Italia: “Avete occupato Tripoli e ve ne pentirete” ma la cosa più inquietante riguarda il rapporto tra i jihadisti e i social network.

Se Cruciani scrive “bastardi islamici” gli bloccano l’account; se una mamma pubblica una foto mentre allatta al seno gli bloccano l’account; ma se i terroristi dell’Isis o di Al-Qaeda inneggiano alla guerra santa per Facebook non c’è alcun problema. Ecco gli account dei jihadisti: segnalateli e facciamoli chiudere.

AGGIORNAMENTO 10 FEBBRAIO 2016

Tutti i profili che abbiamo segnalato sono stati chiusi, tanto è vero che i link (che abbiamo provveduto a rimuovere) rimandano a pagine 404 di Facebook. Grazie a tutti per la collaborazione.

SOCIAL JIHADISMO

Dobbiamo ringraziare i nostri lettori che – in questi giorni di paura e delirio – ci hanno segnalato alcuni account di jihadisti che, tramite Facebook, diffondono il verbo dell’Isis e di Al-Qaeda fatto di odio, morte e terrore.

Mr. Zuckerberg è sempre pronto a bloccare chi pubblica foto di nudo: anche le mamme che allattano al seno, per dire quanto sia meticoloso. Zuck è sempre lesto a bloccare un Cruciani che scrive “bastardi islamici” o un Buonanno leghista “razzista”.

Con i jihadisti, però, sembra che Zuckerberg sia molto più tollerante: come mai? Per quale assurdo motivo questi account di terroristi non vengono immediatamente chiusi e mai più riaperti? Perché gli si permette di diffondere, via social, il verbo dell’Isis in nome della Guerra Santa all’Occidente peccatore? Chi ha deciso che un jihadista è meno pericoloso di un Cruciani?

ROMA SOTTOMESSA?

L’aspetto che più ci ha inquietato riguarda un account in particolare, perché – nelle informazioni – c’è scritto che “vive a Roma”: i nostri servizi segreti conoscono questo personaggio? L’hanno controllato? È vero che vive a Roma o è un millantatore?

In questi casi la prudenza non è mai troppa.

Vi chiediamo di segnalare questi profili e farli chiudere all’istante.

Aamera Alshek (vive a Roma)

Aamera Alshek

Yassin Alkhalifa

Yassin Alkhalifa

محمود السيد‎

‫محمود السيد‬

يحيى الفضل

‫يحيى الفضل‬

محمد علي

‫محمد علي‬

شيراز عاطف الهندي

‫شيراز عاطف الهندي‬

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.