Papa in Brasile, rischio sicurezza: rinvenuta bomba nel santuario di Aparecida. Che Bergoglio visiterà

papabrasil

La visita di Papa Francesco in Brasile è iniziata con una serie di imprevisti: dall’imbottigliamento nel traffico, con una folla di fedeli ad acclamarlo a scapito delle misure di sicurezza, all’ordigno esplosivo rinvenuto nel Santuario di Aparecida, che Bergoglio visiterà.

 

La visita del Papa in Brasile è iniziata con un imprevisto dopo l’altro e ora gli occhi di tutto il mondo sono puntati su Rio de Janeiro. dispostivi di sicurezza predisposti dalle forze dell’ordine del paese sud americano in attesa del Pontefice sono infatti saltati completamente.

Subito dopo essere atterrato nella nazione, accolto dal Presidente Dilma Rousseff, il Santo Padre è rimasto letteralmente imbottigliato nel traffico della città, in avenida Getulo Vargas, a scapito delle misure previste, con una folla incredibile che si è avvicinata alla vettura per osannarlo. Una calca che ha semplicemente festeggiato l’uomo, ma che avrebbe potuto, volendo, nascondere qualche assalitore, il quale avrebbe avuto così la strada facile per un agguato.

Il responsabile ai Trasporti di Rio, Carlos Osorio, così come la gran parte dei brasiliani, per quanto accaduto ha immediatamente puntato il dito contro la polizia federale, ossia la responsabile della sicurezza durante le visite dei capi di Stato. “Devo dire la verità, pure io sono rimasto sorpreso dal percorso”, ha infatti spiegato Osorio ai giornalisti, sottolineando come la vettura del Papa avrebbe dovuto , “prendere la corsia centrale, non quella alla destra”. Quanto avvenuto sarebbe dunque colpa della “polizia federale. Non sappiamo perché il corteo sia finito in quel tratto del percorso”.

Se Papa Francesco in tutto ciò non ha perso la calma e anzi si è prodigato a salutare i fedeli, le autorità hanno vissuto quei momenti col fiato sospeso. Il tema verrà toccato oggi in una riunione delle autorità, in cui si cercherà di capire sia come il fatto sia potuto accadere sia come scongiurare futuri imprevisti: la visita del Santo Padre in Brasile, infatti, conta anche tappe particolarmente delicate, come quella del santuario di Aparecida, laddove, nella serata di ieri, è stato rinvenuto un ordigno esplosivo.La bomba artigianale si trovava in un bagno del luogo; la polizia l’ha disinnescata, ma la tensione resta altissima.

Una volta superati i vari imprevisti, si è potuto procedere con la cerimonia di benvenuto a Guanabara, dove è stata presente anche il Capo di Stato. Qui, il Pontefice ha parlato dei giovani, i quali “‘lingue differenti”. Secondo Papa Francesco, “sono portatori di culture variegate” che “trovano in Cristo le risposte alle loro più alte e comuni aspirazioni”e un ”amore autentico” in grado di unirli “al di là delle loro diversità”.

”La gioventù” ha proseguito il Santo Padre, “è la finestra attraverso la quale il futuro entra nel mondo, e quindi ci impone grandi sfide.” 

 “La nostra generazione”, ha ancora aggiunto “si rivelerà all’altezza della promessa che c’è in ogni giovane, quando saprà offrirgli spazio; tutelarne le condizioni materiali e spirituali per il pieno sviluppo; dargli solide fondamenta su cui possa costruire la vita; garantirgli la sicurezza e l’educazione affinché diventi ciò che può essere; trasmettergli valori duraturi per cui vale la pena vivere; assicurargli un orizzonte trascendente per la sua sete di felicità autentica e la sua creatività nel bene; consegnargli l’eredità di un mondo che corrisponda alla misura della vita umana; svegliare in lui le migliori pontenzialità per essere protagonista del proprio domani e corresponsabile del destino di tutti”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.