Non solo forconi: dai no Tav alla terra dei fuochi, la protesta dilaga in tutta Italia

protesta dei forconi dilaga in tutta itala ma non solo forconi

Dilaga la protesta in tutta Italia: ci sono stati oggi scontri all’Università La Sapienza e momenti di tensione si sono registrati anche davanti il ministero dell’Istruzione, mentre è il quarto giorno delle manifestazioni dei forconi.

 

Proteste che si aggiungono a quelle dei giorni scorsi dei No Tav, e contro il degrado ambientale nella ‘Terra dei Fuochi’. 

Durante la manifestazione ci sarebbero state cariche della polizia e due studenti fermati. Lo dicono gli stessi studenti che in corteo stanno accerchiando l’Aula Magna dell’ateneo dove l’incontro si svolge. La polizia sta presidiando la zona ed il corteo è stato momentaneamente bloccato. Gli studenti urlano “bella scena la celere che carica gli studenti all’università. Non ce ne andiamo finché non ci restituite i nostri compagni”.

Momenti di tensione e una carica di alleggerimento della polizia davanti al Ministero dell’ Istruzione a Roma, durante la manifestazione dei lavoratori dei servizi in appalto delle scuole. I manifestanti hanno tentato di forzare il cordone delle forze dell’ordine davanti al palazzo del Miur ma sono stati respinti dagli agenti

Nuove proteste a Ventimiglia dove i manifestanti, con le loro azioni, impediscono ai mezzi di raggiungere la Francia e il Piemonte. Gli autori della protesta hanno montato due tende all’accesso del ponte sul fiume Roja, che porta oltralpe.

Protesta dei forconi davanti alla sede di ”Riscossione Sicilia’‘, a Palermo, sventolando mutande e appendendole sugli alberi al grido ”siamo rimasti in mutande, prendetevi anche queste”.

 Il movimento dei Forconi ha deciso di presentarsi davanti l’agenzia di riscossione dei tributi le cui cartelle – dicono – stanno portando al fallimento migliaia di aziende e di famiglia con un trattore.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.