Monsignor Scarano di nuovo nei guai è accusato di false transazioni. E quei conti sullo Ior…

monsignor scarano di nuovo nei guai

La Guardia di Finanza ha notificato a Scarano, già imputato per corruzione e calunnia, un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari che riguarda anche un altro sacerdote e un professionista – Perquisita la casa del Monsignore e sequestrati alcuni conti correnti nella sede dello Ior in Vaticano…

 

Nuovo arresto per monsignor Scarano, l’ex contabile dell’Apsa (Amministrazione patrimonio Sede Apostolica). La Guardia di Finanza gli ha notificato un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari che riguarda anche un altro sacerdote e un professionista. I finanzieri avrebbero accertato false donazioni per milioni di euro provenienti da società offshore transitate su conti Ior intestati a Scarano.

Dopo aver perquisito l’abitazione del Monsignor, le Fiamme Gialle hanno anche eseguito sequestri di disponibilità finanziarie e conti correnti nella sede dello Ior in Vaticano. Le accuse ipotizzate nei confronti di monsignor Nunzio Scarano, che era già stato arrestato lo scorso giugno e poi messo ai domiciliari, sono concorso in riciclaggio e falso.

 Il precedente

Dallo scorso 25 ottobre monsignor Nunzio Scarano era agli arresti ospedalieri, per gravi motivi di salute, presso una casa di cura di Salerno su decisione del gip di Roma. Nella capitale è già imputato di corruzione e di calunnia nel processo con rito abbreviato in corso a Roma sulla vicenda del mancato rientro dalla Svizzera in Italia di 20 milioni di euro che erano stati esportati illecitamente.

Al processo si sono costituiti parti civili anche la presidenza del Consiglio e l’Aisi su richiesta per il danno all’immagine subito per la presenza dell’ex 007 Giovanni Zito, che avrebbe dovuto pilotare l’aereo privato per riportare in Italia 20 milioni di euro.

Il piano poi non ebbe successo perché il terzo imputato, il broker Giovanni Carenzio, nel momento in cui avrebbe dovuto consegnare il denaro per trasferirlo in Italia non si presentò all’imbarco con la somma.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.