GEOMECCANICA VENAFRO/ Le reazioni politiche: “È uno scandalo!”

Dopo l’inchiesta di Infiltrato.it su Geomeccanica  (“Come fregare 70 famiglie senza rimetterci: il gioco delle tre carte”), ecco arrivare le prime reazioni politiche a quella che ci sembra una colossale truffa ai danni degli operai e di tutte le famiglie che ora si ritrovano in difficoltà per colpa di qualcuno che ha provato a fare il furbetto.

 

geomeccanica_operai_sui_tetti_foto_fiomNulla di nuovo sotto il cielo italo-molisano, ma forse siamo ancora in tempo perché il curatore fallimentare drizzi le antenne e salvi il salvabile.

Sono Antonio Sorbo, Massimo Romano e Michele Petraroia ad aprire le danze di un balletto che – come confermano anche gli atti che pubblichiamo – rischia di trasformare i principi azzurri di Finmolise (e chissà chi altro…) in tanti ranocchietti che nessuno vorrà più baciare.

Antonio Sorbo – che nell’intervista aveva parlato di Geomeccanica come di un’azienda portata al fallimento dalla proprietà, con la negligenza di una Regione rimasta a guardare – dichiara con piglio battagliero che “a questo punto è necessario fare chiarezza fino in fondo. L’inchiesta di Infiltrato.it conferma che intorno a Geomeccanica in questi anni ci sono state strane manovre. Questi giri societari, queste partecipazioni, questi doppi ruoli, questi conflitti di interesse sicuramente sono una delle cause del fallimento di Geomeccanica.”

E allora cosa si può fare, al di là di parole battagliere, per smuovere le stagnanti acque che bagnano l’azienda venafrana?

Chiederemo al Comune di Venafro  – continua Sorbo – di fare ulteriori approfondimenti e di rimettere in piedi quel tavolo tecnico di monitoraggio che si era impegnato ad istituire per questa vicenda. Ma a questo punto la partita si gioca alla Regione ed è lì che bisogna andare a bussare per avere delle risposte. “

Detto, fatto.

Il primo a raccogliere l’assist di Sorbo è stato il Consigliere Massimo Romano che – con una nota diramata stamane – ha richiesto “l’adozione dei provvedimenti necessari” per far luce su un intrigo che vede coinvolta in primis la Giunta Regionale.

L’inchiesta di Infiltrato.it mi sembra molto ben documentata e certifica delle anomalie gravissime che ove fossero confermate da atti ufficiali (leggi “GEOMECCANICA/Il gioco delle tre carte: ecco i documenti esclusivi che inchiodano i furbetti”, ndr) integrerebbero fattispecie penalmente rilevanti”. Romano attacca e punta il dito contro “il comportamento deontologicamente inaccettabile da parte di persone che avrebbero dovuto salvaguardare l ‘azienda e il patrimonio aziendale.”

Ma il punto è sempre lo stesso: concretamente, cosa fare?

Ho inoltrato copia dell’inchiesta a Michele Iorio, Gianfranco Vitagliano, Franco Giorgio Marinelli, al Dirigente del Servizio Industria Elvio Carugno e al Direttore di Finmolise Lorenzo Cancellario proprio al fine di ottenere tutti i chiarimenti necessari. È chiaro che se questo non dovesse accadere non esiterei ad adire ogni via che mi consente l’ordinamento.”

Romano lascia sottintendere che le vie legali potrebbero essere quelle giuste per sbloccare una situazione che al momento appare cristallizzata in un dato di fatto: l’azienda è stata svuotata e gli operai sono a spasso. E il punto dolente è proprio questo: tante, troppe famiglie pagano lo stupido arrivismo di qualcuno e le ignobili negligenze di qualcun altro.

Michele Petraroia, consigliere regionale con un passato da sindacalista, spiega che “la regione dovrà darci spiegazioni di quello che è accaduto, di come non si è attivata e del perché non si è attivata a tutela non solo del patrimonio proprio, cioè di quei 6 milioni di euro di partecipazione pubblica, ma soprattutto del patrimonio occupazionale. A cosa serve stare dentro una società se poi non si vigila, consentendo che accada uno scempio simile? È semplicemente assurdo, solo in Molise possono accadere cose simili.”

Di questo non saremmo proprio certi, perché sotto il cielo italo-molisano ne succedono di ogni, ma al di là di facili constatazioni, è chiaro che se il curatore fallimentare trova delle sponde – anche politiche – può riuscire nell’impresa di far sbancare i furbetti e restituire il malloppo a chi lo merita: gli operai.

 

APPROFONDIMENTI

GEOMECCANICA/ Il gioco delle tre carte: ecco i documenti esclusivi che inchiodano i furbetti

Scarica la nota di Massimo Romano

LEGGI ANCHE

GEOMECCANICA/ Come fregare 70 famiglie senza rimetterci: il gioco delle tre carte.

GEOMECCANICA/ Antonio Sorbo rivela: “La proprietà l’ha portata al fallimento, la Regione è rimasta a guardare.”

GEOMECCANICA CMV/ Storia di una (ex) grande azienda giunta al capolinea

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.