GEOMECCANICA/ Come fregare 70 famiglie senza rimetterci: il gioco delle tre carte.

geomeccanica

Comaia Srl, CMV Machinery Srl e DRS Srl: dov’è il trucco? Chi conosce il gioco delle “tre carte” sa che esiste una sola regola: il banco vince. Sempre. C’è poco da sbagliarsi. E questa regola vale anche per il caso Geomeccanica, in cui i giocatori – gli operai – si sono ritrovati in mutande a causa di un abile trovata messa in piedi dal banco, vale a dire da alcuni soggetti responsabili dell’azienda venafrana e da persone interessate al suo fallimento.

 

Gli ultimi due anni di vita di Geomeccanica – azienda dal passato glorioso, che prima di assumere la nuova denomina zione aveva portato in tutto il mondo il marchio di Costruzioni Meccaniche Venafrane (CMV) – sono stati un lungo e faticoso travaglio, un susseguirsi di contrazioni che promettevano la luce di un futuro radioso e invece preludevano ad un drammatico aborto. Fallimento doveva essere e fallimento è stato.

Con un escamotage, il gioco delle tre carte, appunto. Perché sia i macchinari che alcuni responsabili della Geomeccanica sono magicamente riapparsi poco lontani da Venafro. Dove? A Pignataro Interamna, in un’azienda che ha il medesimo oggetto sociale della Geomeccanica e che presenta tra i soci l’ex direttore generale della Geomeccanica stessaAlessandro Bassanie i familiari del proprietario della Comaia, l’azienda che ne ha curato il pignoramento.

Un intrigo, cui cercheremo di fare chiarezza.

Quando lo stabilimento di Venafro è stato chiuso si sono create – come tutti ben sanno – due migrazioni di maestranze, con alcuni operai che hanno preso il volo verso CMV Brasile e 6 tra dirigenti e responsabili finiti presso la Drill Rental Service (DRS Srl) di Pignataro Interamna.

Prima questione: cosa diavolo è questa DRS?

Una società a responsabilità limitata, costituita il 30 Giugno 2009 da quattro soggetti: la Comaia Srl, Rosaria Scardamaglia, Massimo Petrecchia e Alessandro Bassani.

Si tenga presente che fino al 29 Aprile 2010 – quindi poco prima del fallimento di Geomeccanica – la DRS in realtà si chiamava CMV Machinery Srl, rievocando nel nome la vecchia Costruzioni Meccaniche Venafrane e soprattutto rispecchiando lo stesso oggetto sociale della Geomeccanica: produzione e vendita di macchine operatrici, macchine e impianti per movimento e perforazione terra, officina meccanica per manutenzione e riparazione.

Seconda questione: chi diavolo sono i quattro soggetti che hanno costituito questa DRS?

Rosaria Scardamaglia e Massimo Petrecchia sono rispettivamente moglie e figlio di Fabrizio Petrecchia, amministratore della Comaia Srl, protagonista indiscussa dell’affaire Geomeccanica: la Comaia, infatti, è il fornitore e creditore che ne ha chiesto e ottenuto il pignoramento dei beni, portandosi via l’intero magazzino. Sembrerebbe assurdo, ma la Geomeccanica ha quasi lasciato fare, senza  reagire con prontezza, senza difendere la possibilità di esistere e permettere quindi ai 90 operai interessati di mantenere il posto di lavoro.

Veniamo quindi ad Alessandro Bassani, vale a dire il quarto soggetto che ha costituito la DRS.

La sua posizione è senz’altro quella in maggior conflitto di interessi, visto che Bassani è stato l’ultimo Direttore generale in carica della Geomeccanica, ricoprendo questo incarico dal Giugno 2009 fino al fallimento.

E qui arriva la terza questione.

Come può accadere che il Direttore generale di un’azienda in crisi come la Geomeccanica, piuttosto che cercare di risolverne i problemi, costituisca una nuova società con il medesimo oggetto sociale della Geomeccanica – la DRS Srl – per giunta in accordo con un concorrente, la Comaia Srl, che poi risulterà essere il soggetto che chiede il pignoramento?

Tutto è possibile. Con il gioco delle tre carte.

Stando così le cose, il sospetto di organi inquirenti e operai è che qualcuno abbia voluto fare il furbetto, mandando in malora una grande azienda per svuotarla e spostare il contenuto da un’altra parte.

Proviamo a fare un piccolo passo indietro e svelare alcuni retroscena che potrebbero aiutare a definire meglio il quadro della situazione.

A Gennaio 2009 la proprietà e il consiglio di amministrazione di Geomeccanica – in cui siede anche un rappresentante della Regione –  decidono di cambiare il direttore generale. Via Giuseppe Senatore, dentro Fabio Ottaviano, che rimane solo pochi mesi – fino a Giugno 2009 – ma che fa in tempo a modificare alcuni assetti amministrativi.

Da Giugno 2009 subentra, sempre in qualità di Direttore generale, Alessandro Bassani. Chi si aspettava da lui un nuovo piano industriale, magari per rilanciare l’azienda, rimane però deluso. Eppure l’immobilismo di Bassani si circoscrive solo all’interno di Geomeccanica, perché il 30 Giugno 2009 – sono passati pochi giorni dal suo insediamento quale nuovo Dg – pensa bene di costituire la CMV Machinery Srl.

La novella società, di cui Bassani risulta amministratore unico – e che come abbiamo visto ha lo stesso oggetto sociale della Geomeccanica – vede tra i soci Rosaria Scardamaglia e Massimo Petrecchia, rispettivamente moglie e figlio di quel Fabrizio Petrecchia proprietario della Comaia Srl. E sarà proprio la Comaia a dare il colpo di grazia alla Geomeccanica, chiedendone il pignoramento e appropriandosi di tutti i beni, magazzino compreso.

L’ipotesi più accreditatasecondo persone ben informate dei fatti – è che probabilmente la Comaia voleva far fuori Geomeccanica, occupando il suo posto sul mercato, e si è servita di Bassani per raggiungere l’obiettivo. Probabilmente la DRS Srl – la nuova società costituita proprio con Bassani e che guarda caso ha nella denominazione iniziale il nome CMV – serve a questo scopo.

Il sospetto di movimenti poco chiari diventa ancora più forte se consideriamo che la Comaia, incassato il pignoramento della Geomeccanica , decide di cambiare sede legale e nome alla CMV Machinery – che si sposta da Cassino a Pignataro Interamna , diventando DRS Srl – e di assumere una parte importante della dirigenza di Geomeccanica, il cui magazzino è – probabilmente – la dote di partenza proprio della DRS.

Questa ipotesi – che tale resterà fino a quando non sarà dimostrata dagli organi inquirenti – presenta però un dato di fatto: mentre Geomeccanica fallisce e i suoi operai prendono freddo protestando sui tetti della fabbrica, ha inizio l’attività della Drill Rental Service Srl, una controfigura con i volti dirigenziali e i macchinari della defunta Geomeccanica.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.