Milano ludopatica. È la capitale italiana del gioco

milano capitale del gioco dazzardo

Milano è la provincia regina per quanto riguarda il gioco in Italia.

 

Nel 2013 nel capoluogo lombardo sono stati infatti spesi 5,9 miliardi di euro per tentare la fortuna. Se il mercato del gioco ha subito una forte battuta d’arresto in tutt’Italia, in Lombardia la febbre da slot è ancora molto alta. Tutte le province lombarde vedono il segno più davanti al dato della spesa: dopo Milano, al secondo posto c’è Bergamo, dove quest’anno se ne sono andati 1,6 miliardi, seguita da Pavia (1,5) e da Brescia (1,3) che è però la più virtuosa se si va a vedere la spesa pro capite in giocate: qui si spendono in media 1.165 euro per ciascun abitante, il dato più basso della regione. I minori volumi di gioco invece si registrano a Lodi (292 milioni di euro spesi) e Sondrio (237). Sul podio anche Roma (5,3 miliardi) e Napoli (3,5 miliardi).

NEL RESTO D’ITALIA – Per singolo gioco, Roma rimane la capitale per il SuperEnalotto, mentre Napoli si aggiudica Lotto e scommesse sportive. Ben 18 le province con una spesa per il gioco superiore al miliardo di euro. Dopo le tre sopracitate, nella graduatoria delle province dove si gioca di piu’, troviamo Torino con 2,6 miliardi, Bari (1,6), Bergamo (1,6), Pavia (1,5), Brescia (1,3), Palermo (1,3), Varese (1,2), Bologna (1,2), Salerno (1,2), Genova (1,1), Caserta (1,1), Como (1,1), Venezia (1,1), Firenze (1,1), Modena (1). Maglia nera ad Enna e Crotone, le uniche due province con una raccolta per i giochi nel 2013 inferiore ai 100 milioni di euro.

Sotto i 150 milioni troviamo Isernia (115), Vibo Valentia (128) e Oristano (134). La graduatoria cambia pero’ completamente se si considera la spesa pro capite. In Italia la spesa pro capite per il gioco sara’ nel 2013 di poco superiore ai 1.200 euro l’anno, vale a dire di 100 euro al mese. Se si considera la spesa al netto delle vincite, la cifra spesa per il gioco scende a 288 euro l’anno, vale a dire 24 euro al mese. Tornando alla raccolta (cioe’ senza lo storno delle vincite), in testa alle province italiane per la spesa pro capite per il gioco troviamo Pavia con 3.000 euro per abitante. Seguono gli abitanti di Como, Teramo e Rimini, tutte con oltre 1.900 euro l’anno spesi per il gioco. Nelle prime dieci posizioni troviamo anche Savona (1.700), Latina (1.700), Reggio Emilia (1.600), Terni (1.600), Pescara (1.600), Bergamo (1.600). Tra i grandi centri, Milano fa segnare una spesa per abitante superiore ai 1.500 euro, Roma 1.400 e Napoli 1.100. Enna anche in questa graduatoria occupa l’ultima posizione con una spesa, per dare la caccia alla dea bendata, di meno di 500 euro per abitante.

 

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.