Legge di Stabilità 2015: il pdf integrale del maxiemendamento e tutte le misure più importanti

legge stabilita 2015 boschi

Il Governo Renzi, nella notte tra venerdì e sabato, ha deciso di sostituire integralmente la legge di stabilità presentata alla Camera, in Commissione e al Paese con un maxiemendamento che conteneva misure sconosciute all’intero arco parlamentare. Eppure il Senato è stato “costretto” a votare la fiducia, che è passata a maggioranza, nonostante l’uscita dall’aula di alcuni gruppi di minoranza. Nonostante il maxiemendamento contenga alcune misure interessanti, come il “Fondo per la buona scuola”, che stanzia 1 miliardo per il 2015 e 3 miliardi per il 2016 con l’obiettivo di creare nuove assunzioni e migliorare le strutture scolastiche, il Governo Renzi si è dimostrato ancora una volta inadatto a guidare il Paese. Ecco il pdf integrale della legge di stabilità 2015 e tutte le misure più importanti.

 

Con 162 voti favorevoli e 37 contraril’Assemblea ha rinnovato la fiducia al Governo approvando il maxiemendamento sostitutivo del ddl n.1698, “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato” (legge di stabilità 2015). Al termine della votazione dei documenti di bilancio, che tornano all’esame dell’altro ramo del Parlamento, è statoincardinato il ddl recante disposizioni per l’elezione della Camera dei deputati.

In apertura di seduta, Lega Nord e Movimento 5 Stelle hanno stigmatizzato il fatto che la Commissione bilancio non sia stata convocata per esprimere il parere sugli emendamenti ai documenti di bilancio. La Presidenza ha precisato che il parere è stato reso dal Presidente della Commissione bilancio, in base all’articolo 100 del Regolamento.

Alle ore 19,10 il Ministro per i rapporti con il Parlamento Boschi ha presentato il maxiemendamento sostitutivo della legge di stabilità, su cui ha posto la questione di fiducia.

Il Presidente Grasso ha deferito il testo alla Commissione bilancio per i profili di copertura e ha convocato la Conferenza dei Capigruppo, che ha organizzato la discussione con inizio alle ore 22.

Il testo del Governo, di difficile leggibilità, contiene temi che non sono stati affrontati in Commissione, come la questione dei ricercatori universitari. Sull’allungamento delle concessioni in house sono stati avanzati rilievi politici.

La sen. Bulgarelli (M5S) ha denunciato l’illeggibilità del maxiemendamento, richiamando in particolare la questione delle frequenze locali. Anche il sen. Calderoli (LN) ha chiesto che l’Assemblea sia posta nelle condizioni di sapere cosa sta votando. Ha evidenziato, inoltre, che il Governo ha interrotto la prassi secondo cui il maxiemendamento recepisce quanto deliberato in Commissione. La sen. Bonfrisco (FI-PdL) ha chiesto al Presidente del Senato di garantire la funzione parlamentare, verificando la corrispondenza tra il maxiemendamento e le proposte approvate in Commissione. Ha poi chiesto di sapere cosa è accaduto nelle 48 ore intercorse tra l’interruzione dei lavori della Commissione e la presentazione del maxiemendamento.

Il Presidente del Senato ha richiamato il parere di nulla osta della Commissione bilancio e ha affermato che il Governo si assume la responsabilità del testo presentato.

I Gruppi di opposizione hanno denunciato le forzature procedurali di un Governo pasticcione e tracotante, che mina la credibilità delle istituzioni. Un Governo che ha rallentato i lavori in Commissione con ottanta emendamenti, ha presentato un testo confuso, pieno di errori e privo di copertura. Il Parlamento appare ostaggio di un Presidente del Consiglio che ha un solo obiettivo: approvare in fretta la legge elettorale per andare alle urne prima che diventino manifesti i suoi fallimenti. Le opposizioni hanno ribadito che la legge di stabilità non è espansiva, aumenta il debito ma non rilancia la competitività, fa tagli lineari, che colpiranno soprattutto la spesa sanitaria, contiene misure ingiuste, dà benefici ai soliti noti, riduce i servizi locali, reca coperture incerte che comporteranno l’aumento differito di altre tasse. Il taglio sull’Irap e la decontribuzione, a carico dei fondi di sviluppo e coesione, sostengono un capitalismo parassitario che delocalizza, punta sui bassi salari anziché sull’innovazione, investe nella speculazione finanziaria. Sono stati criticati in particolare l’IMU per i terreni agricoli, la soppressione delle agevolazioni Gpl per le zone montane, l’Iva sul pellet, la sanatoria sui giochi d’azzardo, le risorse aggiuntive per Roma Capitale, i favori alle lobby del fossile, la mancanza di un piano per la ricerca, i finanziamenti per l’autotrasporto, l’Expo, le scuole private, la difesa e le missioni internazionali.

Anche i Gruppi di maggioranza hanno rilevato un vulnus nei rapporti tra Governo e Parlamento e hanno ricordato il contributo positivo dato dalla Commissione bilancio sui temi Irap, patronati, tassazione dei fondi pensione, calamità naturali, amianto, zone franche urbane, fondo per la contrattazione di secondo livello, chiusura delle società partecipate. 

LEGGE DI STABILITÀ 2015, I PROVVEDIMENTI PiÙ IMPORTANTI – Tra le misure più importanti, comprese nel maxiemendamento sostitutivo del’intera legge di stabilità, ecco l’elenco riportato dall’Huffington Post.

FONDAZIONI – Pagheranno tasse su una quota maggiore di dividendi a partire dal 2014, ma per compensare la retroattività della misura arriva un credito d’imposta dal 2016.

PATRONATI – Il taglio ai patronati viene ridotto a 35 milioni di euro, dai 75 milioni previsti.

CAMBIA REGIME DEI MINIMI – Saranno esclusi dalle agevolazioni fiscali previste dal nuovo regime dei minimi i soggetti con redditi cumulati superiori a 20.000 euro.

FONDO SGRAVI CONTRIBUTIVI – Per incentivare la contrattazione di secondo livello il taglio al Fondo per il finanziamento degli sgravi contributivi viene ridotto a 208 milioni di euro dai 238 milioni iniziali. Il maxiemendamento del governo ripristina il taglio di 200 milioni dal 2016.

TASSE CASA – Stop ai maxi-aumenti delle tasse sulla casa. Per tutto il 2015 sarà prorogato il tetto per l’aliquota del 2,5 per mille, che sale al 3,3 per mille per finanziare le detrazioni.

TETTO CANONE RAI – Il canone Rai nel 2015 non potrà superare quello che si è pagato nel 2014.

GIOCHI – Salta l’aumento del Preu (prelievo erariale unico) sui giochi con vincita in denaro e arriva una riduzione dell’aggio di 380 milioni di euro per i concessionari a partire dal 2015. Viene anticipata di un anno la (dal 2016 al 2015) la gara per l’affidamento del Lotto. Il gettito previsto è di 750 milioni di euro in 4 anni, di cui 350 nel 2015.

POSTE – In arrivo 535 milioni di euro per Poste italiane per il 2014, in attuazione della sentenza del tribunale Ue in materia di aiuti di Stato. Nel nuovo contratto di programma (che partirà nel 2015 e avrà durata quinquennale), verranno introdotte “misure di razionalizzazione del servizio e di rimodulazione della frequenza settimanale di raccolta e recapito sull’intero territorio nazionale”.

CESSIONE RETE ELETTRICA FS A TERNA – Vengono fissati tempi e procedure per il perfezionamento dell’acquisizione della rete elettrica di proprietà di Ferrovie dello Stato da parte di Terna. Le risorse finanziarie derivanti dalla cessione, limitatamente al valore dei contributi pubblici, saranno destinate alla copertura di investimenti sulla rete ferroviaria nazionale.

ADOZIONI INTERNAZIONALI – In arrivo 5 milioni di in più al Fondo per le politiche della famiglia per sostenere le adozioni internazionali.

SCREENING NEONATALE – Raddoppiano i fondi per lo screening neonatale per la diagnosi precoce di patologie metaboliche ereditarie: da 5 a 10 milioni di euro dal 2015.

PIU’ FONDI PER EMERGENZE – In arrivo 76 milioni di euro in più per il fondo emergenze: 56 milioni per il 2014 e 20 per il 2015.

ALLUVIONE DI GENOVA – Stanziati 8 milioni di euro per fronteggiare le conseguenze dell’alluvione di Genova.

NO TASI PER CASE DANNEGGIATE DA SISMA AQUILA – I proprietari delle case crollate a causa del sisma dell’Aquila non dovranno pagare la Tasi dal 2015.

SCUOLE SARDE ALLUVIONATE – Approvato un emendamento che stanzia 5 milioni a favore delle scuole elementari e medie inferiori della Sardegna danneggiate dall’alluvione, su cui governo e relatore avevano espresso parere contrario.

5XMILLE – Entro febbraio il Presidente del consiglio dovrà emanare un decreto non regolamentare che assicuri “trasparenza ed efficacia” nell’utilizzazione del 5 per mille.

SCUOLE – Per le province e le città metropolitane le spese per l’edilizia scolastica saranno escluse dal patto di stabilità.
Stanziati 130 milioni per il personale di pulizia.

EPATITE C – Sarà in totale di 1 miliardo in due anni il fondo per la cura dell’epatite C con il nuovo superfarmaco.

PERIFERIE – In arrivo 200 milioni di euro in tre anni (50 nel 2015, 75 nel 2016, 75 nel 2017) per il piano aree urbane.

‘IMBULLONATI’ – “Le componenti prive di requisiti di immobiliarità”, i cosiddetti “imbullonati”, sono esclusi dalla rendita catastale.

NORMA ‘ETIHAD’ – Aeroporti italiani più accessibili per le compagnie di volo straniere. Gli adempimenti per i vettori internazionali, come Etihad, che vogliono fare scalo sul territorio italiano saranno più facili.

AMIANTO – In arrivo 45 milioni di euro in più l’anno per le bonifiche per il 2015-2016-2017. Le prestazioni assistenziali del Fondo per le vittime dell’amianto sono estese in via sperimentaleai malati di mesotelioma che abbiano contratto la patologia, o per esposizione familiare a lavoratori impiegati nella lavorazione dell’amianto ovvero per esposizione ambientale comprovata.

FONDI – Vengono stanziati 50 milioni di euro per il servizio civile; 200 milioni di euro per progetti aerospaziali; 30 milioni in tre anni per il Cnao di Pavia.

FONDO GARANZIA PMI – Viene esteso il fondo di garanzia per le Pmi a tutte le imprese fino a 499 dipendenti.

ELECTION DAY – Arriva l’election day per le elezioni amministrative e regionali del prossimo anno.

PELLET – Sale dal 10 al 22% l’Iva applicata sul combustibile ricavato da segatura. Previsto un gettito di 96 milioni di euro.

REGIONI – In arrivo 1 miliardo per l’allentamento del Patto di stabilità. Viene confermato per il 2015 il “patto regionale verticale incentivato” che consente agli enti locali di disporre di maggiori margini per l’effettuazione di spese in conto capitale senza incorrere nella violazione del patto di stabilità interno.

PROVINCE – Mobilità interna per i dipendenti in esubero, da ricollocare prioritariamente in Regioni e Comuni. Province e città metropolitane possono rinegoziare le rate di ammortamento in scadenza nell’anno 2015 dei mutui che non siano stati trasferiti al Ministero dell’economia, con conseguente rimodulazione del relativo piano di ammortamento

PARTECIPATE – Vengono soppresse le società che al 30 settembre 2014 sono composte da soli amministratori o da un numero di amministratori superiore a quello dei dipendenti.

INVALSI – Nell’anno 2015 è autorizzata la spesa di euro 10 milioni per le esigenze dell’Istituto nazionale di valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

ITALIANI NEL MONDO – A favore degli italiani nel mondo è autorizzata la spesa di 3.555.000 di euro per l’anno 2015 e 555.000 a decorrere dall’anno 2016, per la promozione della lingua e cultura italiana all’estero

FREQUENZE TV LOCALI – Nel caso in cui non risulti un numero sufficiente ed idoneo di operatori di rete in ambito locale in relazione alle frequenze da assegnare, il Ministero dello Sviluppo Economico esamina le domande presentate da soggetti non operanti in ambito locale assegnando loro i relativi diritti d’uso.

EXPORT ARMI – Con decreto del Ministro dell’interno, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono adottate linee guida per la definizione di un protocollo d’intesa con le associazioni maggiormente rappresentative del settore armiero sportivo-venatorio sul territorio nazionale con l’obiettivo di semplificare, nel rispetto degli obblighi derivanti dalla normativa europea e dagli accordi internazionali, i procedimenti amministrativi in materia di esportazione di armi, anche allo scopo di rafforzare la competitività del settore.

UNIVERSITA’ – Per il finanziamento di interventi in favore dei collegi universitari è autorizzata una spesa integrativa di 4 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017.

FONDO QUOTE LATTE – 8 milioni di euro per l’anno 2015 e a 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2016 e 2017

ARMI SCENICHE – Slitta al 31 dicembre 2015 il termine entro il quale le armi da fuoco per uso scenico devono essere sottoposte, a spese dell’interessato, a verifica del Banco nazionale di prova.

DISSESTO IDROGEOLOGICO – Sono stanziati 50 milioni, per l’attuazione di interventi urgenti in materia di dissesto idrogeologico, di difesa e messa in sicurezza di beni pubblici, di completamento di opere in corso di esecuzione nonchè di miglioramento infrastrutturale.

PIEMONTE – Il presidente della regione Piemonte è nominato, senza maggiori oneri a carico della finanza pubblica, Commissario straordinario del Governo per il tempestivo pagamento dei debiti pregressi della regione

FECONDAZIONE ETEROLOGA – Per garantire la tracciabilità del percorso delle cellule riproduttive dal donatore al nato e viceversa, nonchè il conteggio dei nati generati dalle cellule riproduttive di un medesimo donatore, è istituito il Registro nazionale dei donatori di cellule riproduttive.

SPLIT PAYMENT – Il meccanismo dello split payment dell’Iva sarà applicato dal 1 gennaio 2015 anche nel caso in cui non sia ancora arrivato il via libera da parte del Consiglio dell’Unione Europea.

SINGAPORE – Si considera livello di tassazione sensibilmente inferiore a quello applicato in Italia un livello di tassazione inferiore al 50 per cento di quello applicato in Italia

CHERNOBYL – Stanziati 10.8 milioni in 5 anni per la messa in sicurezza del sarcofago della ex centrale nucleare.

DISABILI – In arrivo 20 milioni per assicurare anche nel 2015 gli incentivi per le assunzioni.

PATENT BOX – Incremento dello sconto fiscale per i brevetti e tutte le tipologie di marchi.

LEGGI E SCARICA IL PDF INTEGRALE DELLA LEGGE DI STABILITA’ 2015 – CLICCA QUI

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.