Le vere vittime della crisi? Scuola, università e ricerca: istruzione tagliata del 119%

istruzione tagli 119

“Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente”, ricordava Indro Montanelli. “Nessun popolo può essere sia ignorante che libero”, ammoniva Thomas Jefferson. “Un popolo ignorante è un popolo facile da ingannare”, diceva Che Guevara. In Italia l’istruzione è stata tagliata del 119%, con risultati disastrosi sia sotto il profilo economico che sotto quello politico: non è un caso che due “re degli ignoranti” come Berlusconi e Renzi siano ancora i protagonisti politici. Ecco i numeri dei tagli a scuola, università e ricerca secondo il report di Openpolis.

 

Mentre in Parlamento si discutono Legge di Stabilità e Legge di Bilancio, un dossier del Senato evidenzia quei settori che dal 2008 hanno subito più tagli da parte dello Stato.

A pagare la crisi più di tutti è l’istruzione universitaria, -119%. Se la responsabilità di Governare è innanzitutto la responsabilità di scegliere, questo è maggiormente vero in tempo di crisi.

Una responsabilità non facile da avere, specialmente in un periodo economico/finanziario come l’attuale.

La gestione della spesa pubblica è un bell’esame per qualsiasi Esecutivo, costretto a scegliere ogni anno quale settore sacrificare a beneficio di un altro.

Il tutto è reso più difficile da un dato ben poco edificante: il 39% della spesa dello Stato serve a “sostenere” il debito pubblico italiano.

Questo lascia evidentemente poco spazio di manovra, considerando che quel 39% rappresenta la maggior area di intervento del nostro bilancio. A seguire i trasferimenti di risorse alle autonomie territoriali (14,75%), e le politiche previdenziali. 11,29%.

Se tre settori occupano più della metà delle spese dello Stato, è ovvio che in tempi di crisi alcune aree di intervento debbano subire dei tagli.

Dal 2008 a oggi, l’istruzione universitaria ha accumulato un taglio del 119,07%.

In tutto sono 15 i settori che sono in saldo negativo dall’inizio della crisi. Il mondo accademico sembra essere la vittima preferita: -73% per ricerca e innovazione e -15,63% per l’istruzione scolastica.

Particolarmente significativi anche i tagli al turismo (-67,11%) e ai beni culturali e paesaggistici (-31,60%).

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.