La rivincita dell’Albania: sempre più albanesi lasciano l’Italia per tornare a casa. Dove c’è lavoro.

Anche gli albanesi scappano dall’Italia. Gli stessi che provarono a cercare fortuna in Italia all’inizio degli anni ’90 ora tornano nel loro Paese. Dove, lo rivela Fainotizia.it , “il paese è in crescita e offre opportunità di lavoro ai giovani in cerca di un futuro”. Ecco i dettagli.

 

Il mare è agitato, e si infrange violento contro lo scafo della nave. Lì in alto nel cielo luccicano le stelle e un vento gelido spira da est, ma il cuore batte forte e riscalda il corpo: a poche miglia c’è il porto di Brindisi, la terra promessa, la libertà. Era il 1991, l’Italia scopriva per la prima volta l’immigrazione di massa.

Migliaia di albanesi fuggivano dalla miseria e dagli ultimi strascichi della dittatura comunista – quella di Enver Hoxha, durata quasi mezzo secolo, fu una delle più feroci e isolazioniste della storia – attraversando il mare con mercantili e imbarcazioni di ogni tipo in direzione delle coste pugliesi.

Oggi l’Albania è un paese giovane e in via di sviluppo, con un’economia emergente e ambizioni europee – sono in corso i negoziati per l’annessione all’UE – retto dal premier socialista ed ex sindaco di Tirana, Edi Rama. Una seconda generazione di albanesi ha seguito le orme dei genitori, raggiungendo l’Italia a bordo di aerei e traghetti, per iscriversi alle nostre università: a Bologna, Roma, Firenze e Milano.

Finiti gli studi, molti di loro ritornano a casa, sia perché la crisi economica in Italia preclude opportunità occupazionali, sia perché in Albania è più facile investire: per avviare una startup, infatti, basta un giorno solo e la burocrazia è ridotta all’osso.

In Italia vivono più di mezzo milione di albanesi, quest’anno sono ritornati in Albania circa in 46mila” afferma soddisfatto Erion Veliaj, ministro del Benessere sociale e gioventù albanese. Il giovane politico del governo socialista, in un ottimo italiano, tiene a precisare che: “È il primo anno che succede una cosa del genere. Prima noi albanesi eravamo costretti a partire, ora il trend si sta invertendo. L’economia qui è in crescita e abbiamo bisogno di abilità speciali: solo quest’anno abbiamo creato più di 81mila posti di lavoro, il mio partito ha abbassato la disoccupazione dal 20 al 17%”.

Io all’Italia devo tantissimo, mi ha fatto crescere sia umanamente che professionalmente”. A pronunciare queste parole è Muharrem Çobo, uno dei tanti albanesi tornati in patria e oggi imprenditore e vinicoltore di successo, in società con il fratello. Se in Albania nominate Çobo dite vino, lo conoscono tutti e il suo prodotto è considerato il “Ferrari italiano”.

Muharrem, nipote di un piccolo vinicoltore, arriva in Italia nel ’91 su di un mercantile, armato di una valigia piena di speranza e tanta buona volontà. Sbarca a Brindisi e, in seguito agli smistamenti del governo italiano, viene spedito a Trento, dove si iscrive all’università. Per pagarsi gli studi, di notte lavora come cameriere e riesce a laurearsi in giurisprudenza.

Poi, come spesso accade, un incontro gli cambia la vita: ”Ho conosciuto Danilo Chini, un enologo che diventerà per me come un fratello – racconta Muharrem, mentre ci versa una bottiglia della sua riserva speciale – Danilo ci ha dato una grossa mano ad avviare la produzione, abbiamo scelto di coltivare uve autoctone, così abbiamo comprato i terreni a Berat e abbiamo ripreso le tradizioni dei miei nonni produttori di vino”.

Oggi la cantina Çobo produce 80mila bottiglie ogni anno, è un’eccellenza dell’enogastronomia albanese, proiettata verso i mercati esteri e sarà presente nel padiglione albanese di Expo 2015 a Milano.

CONTINUA A LEGGERE SU FAINOTIZIA.IT

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.