L’Italia sempre più in crisi si affida a maghi e cartomanti. Storie di ordinaria superstizione

italiani sempre più in crisi si affidano a maghi e cartomanti

Amuleti trova-lavoro da 200 euro. Consulenze astrali online da 50 euro a seduta. ‘Offerte’ da oltre mille euro per ‘combattere il destino avverso’. Cresce il numero di coloro che si rivolgono alle carte e alla magia per cercare conforto e risolvere i problemi economici. Alimentando un giro d’affari (e di truffe) in grande crescita. Con profitti spesso oscuri.

 

Amuleti “trova-lavoro” venduti al costo di duecento euro. Un anno di serenità economica garantita attraverso la lettura dei tarocchi per trecento euro al mese. Consulenze astrali on-line da cinquanta euro a seduta. E poi, ancora, offerte generose dai 1.200 euro in su – sotto forma di assegni o bonifici bancari a discrezione del cliente – “per combattere il destino avverso” e fare in modo “che la fortuna torni a sorriderti”.

Mentre la crisi economica infuria e getta sul lastrico milioni di famiglie si registra un fenomeno allarmante e in continua crescita che ha già messo in guardia le forze dell’ordine: sempre più italiani, dopo aver perso il lavoro, si rivolgono a maghi e cartomanti con la speranza di trovare una soluzione ai propri problemi o, semplicemente, un po’ di conforto. C’è anche chi si affida all’occulto per farsi suggerire i numeri vincenti da giocare al superenalotto o le migliori strategie per il gioco d’azzardo.

Disperazione e vulnerabilità vanno ad alimentare un giro d’affari enorme che in molti casi nasconde truffe e manipolazioni psicologiche: si parla di un business da sei miliardi e mezzo all’anno, molti dei quali “in nero”. I dati sono impressionanti. Secondo l’ultimo rapporto dell’associazione a tutela dei consumatori Codacons gli italiani che almeno una volta in un anno si sono rivolti a maghi e cartomanti per essere tranquillizzati sul futuro sono passati da 10 milioni nel 2006 a 13 milioni calcolati a fine 2013. Mentre gli operatori telefonici che si improvvisano esperti di magia – con operatori di call center spesso mal retribuiti – crescono a dismisura.

Un settore opaco e sommerso che è in continua espansione, anche per via della presenza massiccia sul web. Se una volta, infatti, gli “esperti dell’occulto” venivano contattati soprattutto tramite passaparola e si fissavano incontri di persona, oggi due volte su tre il primo approccio avviene su internet, magari per curiosità. Mentre i sedicenti sensitivi – che spesso fanno parte di organizzazioni ben ramificate – si sono adeguati ai tempi che cambiano e offrono la possibilità di scaricare applicazioni a pagamento su smartphone e tablet.

Tanto per fare un esempio pratico, attraverso il motore di ricerca Google inserendo la parola “cartomanti” si trovano 367mila siti dedicati a magia e occultismo. Promettono una disponibilità 24 ore su 24 e soluzioni concrete per “lavoro, amore e fortuna”. I numeri da chiamare – quasi tutti con prefisso 899 – campeggiano a cifra ingrandita sulla homepage, con tanto di tariffario al minuto che oscilla dagli 80 centesimi con scatto alla risposta a un euro e venti centesimi. Alcuni offrono “pacchetti” che possono andare dai 30 minuti di consulto ai 150 minuti. Ovvero, più di due ore di conversazione per un conto finale da 120 euro.

Altri, invece, chiedono di contattare un misterioso numero svizzero oppure offrono direttamente consulenze on line. Mentre è spiegato a chiare lettere che tutti i pagamenti possono essere effettuati tramite carta di credito classica o prepagata. E che, sempre con la Visa, si possono acquistare con spedizione a domicilio non meglio precisati “amuleti per la fortuna” che vanno dagli 80 ai 200 euro.

Alcuni hanno inventato persino i talismani “ricaricabili”. Ogni mese, cioè, devono essere “ricaricati di energia”. Come? Ovviamente versando altri soldi.

I siti offrono vastissima scelta, anche di personale. I maghi e le cartomanti molto spesso sono presentati con una foto ad effetto accompagnata a una breve biografia che spiega le loro specializzazioni.
Nella maggior parte dei casi, però, non si tratta di studiosi esperti di esoterismo, ma di operatori di call center che hanno ricevuto come unica direttiva quella di trattenere il cliente al telefono il più a lungo possibile e di creare in lui una sorta di “dipendenza psicologica”.

Come spiegano dall’Osservatorio Antiplagio, che in questi anni si è battuto per denunciare la presenza dilagante di sensitivi e cartomanti nelle televisioni private e sul web: “L’anonimato garantito da Internet fa sentire protetto il “cliente” ma allo stesso tempo lo espone a un rischio ancora più alto di finire in balìa di truffatori e ciarlatani. E poi c’è l’altro risvolto della medaglia: quello degli operatori telefonici. Si tratta quasi sempre di disoccupati che per disperazione accettano di fingersi esperti di divinazione e vengono sfruttati e sottopagati nei call center con contratti di lavoro ridicoli”.

La presenza degli operatori dell’occulto in Italia, è massiccia. Sono soprattutto al nord (42%), seguono centro (30%) e sud (28%). Le regioni meno colpite dal fenomeno sono Basilicata, Molise e Valle d’Aosta, mentre ad aggiudicarsi il record è la Lombardia: secondo l’ultimo rapporto 2013 dell’Osservatorio Antiplagio gli operatori telefonici arrivano a 2.800 per 200mila clienti, con un volume d’affari che sfiora gli 80 milioni di euro all’anno.

Seguono il Lazio, con 2.500 operatori, 200mila clienti e un business da 75 milioni, la Sicilia (2000 operatori e 150mila clienti), la Campania (2000 operatori, 145 mila clienti, volume d’affari di 70 milioni annui) e il Piemonte con 1.400 operatori, 90mila clienti e guadagni per 45 milioni.

Tutti questi soldi, però, certamente non finiscono nelle tasche del personale del call center, visto che secondo le stime della Cgil personale di questo tipo viene assunto con contratti a progetto e guadagna cifre che oscillano fra i 2 e i 3 euro all’ora.O non guadagna affatto. Pochi giorni fa al Compartimento della Polizia Postale della Lombardia è arrivata una dettagliata segnalazione anonima che accusa un sito di cartomanti di far lavorare in nero decine di operatori senza aver mai versato gli stipendi. E ora indaga la Procura di Milano.

Le denunce effettive dei clienti che arrivano alle forze dell’ordine, però, si contano sulle dita di una mano. La maggior parte delle vittime preferisce sfogarsi con le associazioni, senza che la propria identità venga rivelata. O addirittura subisce in silenzio, per la vergogna, e sopporta richieste di denaro sempre più asfissianti fino ad arrivare a prosciugare completamente i propri risparmi.

“Non esistono siti di questo genere che siano sicuri”, mette in guardia il vice questore aggiunto Lisa Di Berardino del Compartimento Polizia Postale per la Lombardia, “proprio perché è impossibile avere contatti visivi o sensoriali con chi si trova c’è dall’altra parte dello schermo e lo scopo finale è sempre e solo quello di sottrarre soldi agli utenti”.

Il mondo della cartomanzia e dell’occulto, poi, secondo il rapporto dell’Osservatorio Antiplagio, sta cambiando e si sta determinando sempre di più una correlazione con il gioco d’azzardo: il 70% di chi si rivolge a questi operatori è molto spesso anche un giocatore patologico.

“Di base c’è sempre una profondissima solitudine”, spiega l’avvocato Carlo Rienzi, presidente del Codacons, “che alimenta comportamenti esasperati ma che molto spesso rimangono sottaciuti da parte di tutti, e poco si conosce di questo sottobosco”. Accanto alle nuove tecniche via web, poi, continuano a proliferare anche le truffe “tradizionali” da parte di sedicenti maghi, sensitivi e cartomanti.

L’ultimo arresto risale a una decina di giorni fa ed è stato portato a segno dai Carabinieri della compagnia di Abbiategrasso, alle porte di Milano. Ulrik Andersen, danese di 46 anni, si approfittava di donne sole, malate o despresse. Prima le violentava, poi cercava di farsi intestare le loro proprietà immobiliari.

Mentre lo scorso luglio è stato arrestato a Ibiza Stefano Anselmi, detto “mago Serghio”, un cartomante piacentino che impazzava su internet e nelle reti locali, specializzato in “lavoro e problemi esistenziali”. Con i soldi delle sue innumerevoli vittime era scappato alle Baleari dove, da latitante, si era costruito una magnifica villa con piscina e aveva aperto un negozietto di amuleti per turisti.

Stavolta, però, la magia gliel’hanno fatta i Carabinieri della sezione Catturandi del Nucleo investigativo di Piacenza.

Facendogli comparire davanti agli occhi un mandato di cattura europeo e una condanna a sei anni da scontare in carcere.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.