INCHIESTA GRANDI EVENTI/ Non solo Guido. Tutti i nomi della cricca, “un sodalizio stabile…”

Guido Bertolaso non è l’unico nome che spunta tra gli iscritti nel registro degli indagati e raggiunti dall’avviso di conclusione indagini. Il provvedimento è stato disposto, tra gli altri, per i funzionari Angelo Balducci, Mauro Della Giovampaola, Claudio Rinaldi e Fabio De Santis. Ed anche per l’ex magistrato romano Achille Toro indagato per corruzione giudiziaria…

 

balducci_anemone_della_giovanpaolaAvrebbe violato il suo dovere di riservatezza quale coordinatore del gruppo di lavoro che si occupava dei reati contro la pubblica amministrazione.  Avrebbe, ancora, fornito a Balducci e a Diego Anemone informazioni su un procedimento della procura di Roma e di quella di Firenze. Sono comunque complessivamente 22  gli indagati per i quali è stato disposto l’avviso di conclusione indagini.

I reati sono di vario genere: oltre alle già citate corruzione e corruzione giudiziaria, ritroviamo anche l’associazione a delinquere. Il reato è ipotizzato per 15 degli indagati. Sono infatti accusati di essersi associati per commettere una serie indeterminata di reati di corruzione, abuso d’ufficio, rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento. Secondo i pm avrebbero infatti costituito un vero e proprio ”sodalizio stabile” che, attraverso la messa a disposizione della funzione pubblica dei funzionari a favore degli imprenditori, in particolare Diego Anemone e le sue imprese, consentiva una facilitazione nell’ottenere gli appalti.

Cerchiamo di ricostruire, allora, quella che è stata ribattezzata la “cricca”, il “sistema gelatinoso”.

Secondo i magistrati Angelo Balducci – vice di Bertolaso – sarebbe stato il vertice della struttura, capo e promotore” dell’associazione. Addirittura gli inquirenti hanno ipotizzato che ci sia “una comunanza di interessi economici assimilabile a una vera e propria società di fatto” con Diego Anemone, visto il suo “impegno” nel cercare di favorirlo a tutti i costi. Fabio De Santis e Claudio Rinaldi vengono invece definiti “soggetti di rilievo” all’interno del Dipartimento per lo sviluppo del turismo della Presidenza del Consiglio; Maria Pia Forleo, ancora, è indagata perché componente della commissione aggiudicatrice delle gare per le celebrazioni del centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia.

Indagati con lo stesso capo d’accusa anche – chiaramente – gli imprenditori Diego e Daniele Anemone, ma anche Enzo Maria Gruttadauria, Pierfrancesco Murino e Bruno Ciolfi, e Stefano Gazzani, contabile delle società, e l’architetto Angelo Zampolini, utilizzato – secondo gli inquirenti – quale intermediario per le dazioni oggetto delle corruzioni (era lui che pagava, per sua stessa ammissione, la casa in Via Giulia per il soggiorno di Bertolaso). Alida Lucci e il già citato Simone Rossetti sono invece considerati il braccio destro esecutivo di Diego Anemone.

 

LEGGI ANCHE

INCHIESTA GRANDI EVENTI/ Bertolaso, sesso e soldi per pilotare gli appalti

BERTOLASO/ Quella sera al Salaria tra bikini, preservativi e massaggi

DIEGO ANEMONE/ L’uomo dei “favori” e quella “lista” dai nomi scottanti…

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.