BERLUSCONI/ Dopo gli affari col Dittatore è il turno dei comunisti…cinesi

I figli mettono i loro soldi negli antitumorali di ultima generazione e in Cina il padre investe in immobili e posti auto. La distanza tra Silvio Berlusconi (74 anni) e i suoi eredi del secondo matrimonio, in ordine d’età Barbara (26 anni), Eleonora (24) e Luigi (22), si misura anche dal diverso modo di gestire i propri patrimoni. Così che anche l’ultimo investimento del Presidente del Consiglio ha a che fare con il mattone, e porta il nome di Immobiliare Milanodue, dal quartiere residenziale di Segrate in cui ha avuto origine la sua avventura imprenditoriale.

di Hama

investimenti_in_cinaFino allo scorso dicembre la società si chiamava Tauris, ed era uno dei tanti veicoli a disposizione del Premier per nuove iniziative, con appena 20 mila Euro di capitale. Ad acquistarla, alla fine del 2008, era stato il ragionier Giuseppe Spinelli, il fidato amministratore delle casseforti del Premier, che con 4 assegni per complessivi 16 mila Euro si era aggiudicato dalla Sirefid e dalla Sanpaolofid, due fiduciarie della galassia Intesa Sanpaolo, questa srl che all’epoca non era che una scatola vuota, con qualche migliaio di Euro di perdite e zero asset, intestandone la proprietà alla Holding italiana seconda (con il 30%), terza (40%) e ottava (30%), tutte direttamente riconducibili a Silvio Berlusconi.

Dopo di che la Tauris se n’era rimasta lì buona, in stato dormiente, per i 2 anni successivi. Prima dell’ultimo Natale la società è stata riportata in vita e ne sono stati modificati, denominazione, statuto e capitale sociale. Con una dotazione di 100 mila Euro l’oggetto della Immobiliare Milanodue è diventato “l’acquisto, la vendita, la permuta, la costruzione, la ristrutturazione, la locazione e la gestione di beni immobili rustici ed urbani, e la gestione di parcheggi“. Quest’ultima attività è assolutamente inedita per il Cavaliere, che come per miracolo (i dati del Cerved e del Catasto non consentono ancora di verificare come sia avvenuta l’operazione), nel giro di poche settimane, si è ritrovato proprietario, attraverso questa nuova società, di un parcheggio sotterraneo, con oltre un centinaio di posti auto, ai margini del comprensorio di Milano 2. Più o meno nello stesso periodo i tre figli più piccoli del Premier partecipavano tramite la Holding italiana quattordicesima (la loro piccola cassaforte, che possiede, attraverso la Bel immobiliare, un intero palazzo di 6 piani messo a reddito nel pieno centro di Milano) a un aumento di capitale della ExpoBee, una startup israeliana con filiali a Shangai e Suzhou (Jangsu), che ha un contratto in esclusiva con il ministero del commercio estero cinese per la fornitura di assistenza tecnica e la realizzazione di siti internet, campagne di comunicazione online e showroom virtuali durante le fiere.

Un investimento “dall’elevato contenuto speculativo”, si sottolinea nella relazione sulla gestione della holding, che potrebbe generare anche “rilevanti plusvalenze”, ma in caso di fallimento, vista “l’esiguità delle risorse finanziarie impiegate”, non minaccia di compromettere l’equilibrio economico della società. I tre figli di Veronica Lario hanno anche rilevato, sempre attraverso la Holding quattordicesima, un pacchetto azionario del 12,8 % in Assicurazione.it, il più popolare sito italiano di polizze online, controllato a maggioranza dai gruppi Real Web e iMovies,  partecipato da molti piccoli azionisti e manager, tra cui Andrea Billè, figlio dell’ex presidente di Confcommercio e Massimiliano Frank, già consigliere di Molmed. Un’azienda biotech, quest’ultima, in cui i Berlusconi juniors hanno ridotto la loro partecipazione (valutata a bilancio oltre 3 milioni di Euro), a seguito della mancata partecipazione all’ultimo aumento di capitale deliberato.


LEGGI ANCHE

CALCIO e POLITICA/ 1986 e 1994: i due “avventi” di Silvio Berlusconi

BERLUSCONI vs GIUDICI/ I processi e gli attacchi alla magistratura

Sesso e potere: il parlamento di Berlusconi? Un bordel

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.