AMBIENTE e SALUTE/ Nel Belpaese si muore. Basta che nessuno lo sappia.

Un crimine ambientale ogni 43 minuti. Scuole dove piove amianto. Ecomafia ai massimi livelli. Fiumi dove la biodiversità è un lontano ricordo. Depurazione civile assolutamente insufficiente. Una natura colpita a morte non può che rispondere con la legge del taglione. Occhio per occhio dente per dente. Si muore. Si muore come niente, basta che nessuno lo sappia. E spopola la malattia del terzo millennio: The Cancer. I dati? + 100% in tutta Italia, dal 1970 ad oggi. Con casi eclatanti, come quello molisano

di Andrea Succi & Carmine Gazzanni

foto tratta da Referendumilva

ambiente_e_saluteL’Italia, un Paese che dispone di grandi ricchezze ambientali. Eppure le istituzioni – dal Governo, alle Regione, alle singole amministrazioni, agli istituti preposti alla salvaguardia ambientale – fanno ben poco per salvaguardare quella stessa inestimabile ricchezza: il degrado ambientale – con tutte le conseguenze del caso.. – sta diventando il problema numero uno con il quale il nostro Paese dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) fare i conti.

Secondo il Ministero dell’Ambiente oggi in Italia si registra un crimine ambientale ogni 43 minuti: si va dalle industrie inquinanti, agli enti locali colpevoli di violazioni in materia di caccia, espansione di cave, progetti deturpanti per il paesaggio o abusivi, progetti di grande opere prive di Valutazione di Impatto Ambientale, inquinamenti illeciti e così via.

Ma attenzione: il discorso, infatti, non è soltanto “verde” retorica, come molti potrebbero pensare. La questione è molto più ampia. Ad un degrado ambientale sempre più imbarazzante – non ci vuole un genio per capirlo – corrispondono necessariamente condizioni di vita in molti casi precarie.

Se la nostra salute è condizionata dalla realtà ambientale in cui viviamo e se l’Italia soffre una situazione d’emergenza, in cui s’intrecciano ecomafia e poco senso civico, è chiaro che aumenterà la nostra esposizione a contrarre la malattia del terzo millennio: The Cancer.

I dati che abbiamo analizzato – e di cui discuteremo nei prossimi giorni insieme ad esponenti dell’Istituto Superiore di Sanità – sono sconvolgenti. Tumori? + 100% !

E allora vediamo come si è potuti arrivare a questo disastro umano…


LEGGI ANCHE

I TUMORI IN ITALIA/ Intervista con Roberta De Angelis (ISS):”In alcuni casi la politica prende le distanze.”

AMIANTO/ La normativa per lo smaltimento non funziona: è una strage silenziosa.

SITUAZIONE MARE e FIUMI/ Le “torbide acque” italiane

RIFIUTI, AMBIENTE e ABUSIVISMO/ I grossi interessi delle mafie

 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.