Eurogendfor shock, spunta la denuncia del sindacato di Polizia Consap: “Minaccia per la democrazia”

egf eurogendfor mini

Questa volta è il sindacato di Polizia Consap a parlare dell’Eurogendfor. E certamente non si può dire, come fanno in tanti, che si tratta della solita bufala, cosa che avviene quando ci si trova davanti una notizia troppo spaventosa per essere vera. Il segretario nazionale del Consap, Igor Gelarda, lancia un’accusa scioccante: “L’Eurogendfor è una minaccia per la democrazia.” Ecco il video in cui Gelarda spiega le ragioni della sua affermazione.

 

Si affaccia minaccioso, vi invito ad approfondire, Eurogendfor (o EGF). Una Polizia transtazionale militare, della quale io ho già scritto in passato e che adesso potrebbe essere un rischio. Noi non abbiamo capito ancora bene come funziona. Noi temiamo che si vada verso una militarizzazione della gestione dell’ordine pubblico. (…) E questo noi non lo vogliamo! Non lo vuole nessuno. In un Paese democratico le Forze dell’Ordine devono essere democratiche e civili. Nel senso di non militari

L’accusa è di Igor Gelarda, segretario nazionale del CONSAP, la confederazione sindacale autonoma di Polizia.

Secondo quanto riportato da Wikipedia, l’Eurogendfor “è un’iniziativa multinazionale di cinque Paesi Membri dell’Unione europea (Francia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna, ai quali si sono aggiunte la Romania nel 2008 e la Polonia nel 2011) destinata a rafforzare le capacità di gestione delle crisi internazionali fuori dai confini dell’UE (…) La EGF è composta da forze di polizia ad ordinamento militare in grado di intervenire in aree di crisi, sotto l’egida della NATO, dell’ONU, dell’UE, dell’OSCE o di coalizioni costituite “ad hoc” fra diversi Paesi. (…) La Forza di gendarmeria partecipa a missioni dell’UE, dell’ONU, della NATO, dell’OSCE, alle quali i Ministri scelgono di aderire. La struttura della EGF richiama quella delle Multinational Specialized Unit (MSU) dell’Arma dei Carabinieri, impiegate in Bosnia, in Kosovo e in Iraq. Il coordinamento politico-militare della Gendarmeria europea è affidato al Comitato Interministeriale di Alto Livello (CIMIN), con sede a Vicenza (presso la caserma dei carabinieri «Generale Chinotto»), un comitato composto dai Ministri degli Esteri e della Difesa degli Stati membri che aderiscono alla EGF, fornendo uomini e mezzi.

Ogni anno uno dei Ministri assume la presidenza di turno del CIMIN. La EGF non è sottoposta al controllo dei Parlamenti nazionali o del Parlamento europeo, risponde direttamente ai Governi, attraverso il citato CIMIN. Per il suo dispiegamento operativo e rafforzamento, è richiesta l’unanimità degli Stati membri dell’EGF (non dell’Unione europea). Durante le operazioni della EGF ogni Stato membro mantiene la propria autonomia decisionale. Gli Stati, quindi, delegano al CIMIN l’indirizzo politico, strategico e militare, mantenendo l’autonomia operativa. L’ingresso delle forze di polizia all’EGF è subordinato al possesso di un ordinamento militare e devono far parte di uno Stato dell’Unione Europea ovvero candidato all’esserlo. Attualmente i corpi che partecipano alla Forza di gendarmeria europea sono sei più due che però hanno solo il ruolo di supporto. I corpi di Gendarmeria sono: Arma dei Carabinieri italiana (dalla fondazione) Gendarmerie nationale francese (dalla fondazione) Guardia Civil spagnola (dalla fondazione) Guarda Nacional Republicana portoghese (dalla fondazione) Marechaussee olandese (dalla fondazione) Gendarmeria romena (dal 3 marzo 2009).”

Avevamo già denunciato la pericolosità dell’Eurogendfor, perchè “non è sottoposto al controllo dei Parlamenti nazionali o del Parlamento europeo, ma risponde direttamente ai Governi, attraverso il citato interministeriale (CIMIN).

Questa volta, però, è diverso. Non si tratta di una nostra inchiesta ma di parole ufficiali del segretario nazionale del sindacato di Polizia, che accusa l’EGF di essere una “minaccia per la democrazia”.

Ecco il video in cui Igor Gelarda, segretario nazionale del CONSAP, parla dell’Eurogendfor.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.