Banca Etruria, conti svuotati prima del crac: ecco da chi è partita la soffiata

Banca Etruria ancora nel caos, si profila il reato di bancarotta fraudolenta

Banca Etruria ancora nel caos, si profila il reato di bancarotta fraudolenta

Banca Etruria, arriva una notizia sconvolgente: alcuni conti correnti sono stati svuotati poco prima del crac. Come se qualcuno avesse voluto salvare i clienti più prestigiosi e spalmare le perdite sui piccoli (e inutili) correntisti. Ecco da chi sarebbe partita la soffiata, come riporta Il Giornale.

Banca Etruria ancora nel caos, come racconta Daniele Bertocchi per Il Giornale.

Giuseppe Santoni, commissario liquidatore dell’ex Bpel, ha tirato le somme. E ciò che emerge dopo il simbolo dell’uguale è la somma di 288 milioni di euro. Non sono i soldi da risarcire ai clienti truffati, bensì quelli che alcuni clienti privilegiati avrebbero ritirato dai depositi di Etruria tra l’inizio di ottobre e e il 18 novembre. Guarda caso la data che precede il bail in, quel decreto del governo Renzi che ha salvato CariFerrara, Banca Marche, Popolare di Etruria e CariChieti. La Procura di Arezzo ora vuole vederci chiaro.

Si cerca di identificare i clienti che con i loro prelievi a sei zeri hanno impoverito ancor di più la banca. Si vuole capire se questi abbiano ricevuto una soffiata “privilegiata” sul destino dell’istituto bancario. Come riportano Il Messaggero e Il Corriere della Sera, la circostanza appare limpida agli occhi di Santoni che – nel ricorso presentato il 28 dicembre – scrive: “La situazione di liquidità si presenta assai critica, atteso che, secondo quanto emerge dalle informazioni dei commisari straordinari, le riserve liquide sono inadeguate, per effetto dei deflussi dei fondi che hanno interressato la banca“. I conti – come ben specificato dal liquidatore – sono stati svuotati: il saldo del 18 novembre, pari a 335 milioni di euro ( circa il 4,6% dell’attivo), è diminuito di 288 milioni.

Potrebbe essere anche un caso, se non fosse che la raccolta del denaro è avvenuta in maniera massiccia e concentrata. Il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi, vuole individuare i clienti per accertare se quesi abbiano legami con i vertici di Etruria o siano in qualche modo riconducibili a essi. Il denaro evaporato dai conti correnti ha spinto ancora di più sul fondo la condizione della banca, che già appariva critica. Ora è quasi inutile procedere ad ulteriori indagini. L’istanza presenta al tribunale è inequivocabile: “Non servono ulteriori accertamenti, bisogna procedere subito con la dichiarazione di insolvenza“.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.