Venghino signori venghino. Lo Stato svende società pubbliche per 12 miliardi

lo stato svende beni pubblici per 12 miliardi

Il governo Letta gioca in attacco e per la prima volta dopo tanti annunci viene stilato un piano di privatizzazioni diretto a fare cassa e ad alleggerire il debito pubblico.

 

Un piano ambizioso che coinvolge alcuni fra i “gioielli di famiglia”: per il momento 8 società pubbliche. Eni, Stm, Enav, Sace, Fincantieri, Cdp Reti, Tag e Grandi Stazioni. 

Tutte controllate direttamente dal Tesoroo indirettamente tramite Cassa Depositi e Prestiti o Ferrovie dello Stato. Il governo stima di ottenere dalle dismissioni entrate «tra 10 e 12 miliardi di euro, di cui la metà vanno a riduzione del debito nel 2014 e l’altra parte a ricapitalizzare la Cassa depositi e prestiti».

In particolare, come annunciato dal titolare delle Finanze, Saccomanni, il governo punta a mettere sul mercato una quota del 60% di Sace e Grandi Stazioni. Per Enav e Fincantieri si tratta del 40%, mentre «nel complesso delle privatizzazioni che riguarderanno le reti in mano alla Cdp saremo nell’ordine del 50%».

Diverso il discorso per Eni, la prima azienda italiana per capitalizzazione a Piazza Affari. Del colosso dell’energia verrà ceduto un pacchetto del 3%, per un valore di circa 2 miliardi. Il controllo della società, assicura comunque Letta, rimarrà nelle mani dello Stato che non scenderà sotto il 30%. Grazie al piano stilato, il governo potrebbe avere una maggiore forza nel chiedere all’Europa la clausola sulla flessibilità degli investimenti.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.