Paperoni d’Italia, Berlusconi sempre più ricco. Altro che perseguitato

silvio berlusconi sempre più ricco cresce in classifica dei paperon

Il Bloomberg Billionaires Index ha calcolato la variazione del patrimonio dei 200 uomini più ricchi del mondo nell’ultimo anno. Italiani compresi. Ecco chi vince e chi perde.

 

Anche se il 2013 del Cavaliere si è chiuso con la decadenza parlamentare, dal punto di vista della ricchezza l’ex premier non si può lamentare. Nella classifica di Bloomberg, Berlusconi è il Paperone italiano che in percentuale è diventato più ricco, anche se resta solo alla 146° posizione.

Non molto conosciuto tra i Paperoni italiani, il re della farmaceutica è poco sotto Berlusconi nella classifica mondiale del benessere. Il suo patrimonio è cresciuto per l’acquisto da parte della società americana Walgreen di un pezzo della catena internazionale di drugstore Alliance Boots, parte del marchio conquistato da Pessina nel 2007 con la più grande operazione europea di leveraged buyout.

Altro nome poco noto, il fondatore di MSC si è attestato al 195° posto. Con le sue oltre 400 navi portacontainer, MSC è la seconda compagnia merci più grande del mondo dopo la danese Maersk-SeaLand. L’armatore di Sorrento possiede anche i traghetti Snav.

Michele Ferrero è una delle personalità più ricche d’Italia. Proprietario della Ferrero International, il quarto più grande produttore al mondo del cioccolato. La società ha registrato un fatturato di oltre 11 miliardi dollari nel 2012, e vende i suoi prodotti in più di 100 paesi. I suoi prodotti includono Ferrero Rocher cioccolatini alla nocciola, Nutella e Kinder barrette di cioccolato. È l’italiano nella posizione più alta della classifica mondiale Bloomberg, al 25°.

Con base in Argentina, Paolo Rocca guida una delle famiglie più ricche d’Italia. Controllano Techint, un conglomerato industriale che ha generato 26 miliardi dollari di fatturato nel 2012. Il loro bene più prezioso è Tenaris, il più grande produttore al mondo di tubi di acciaio senza saldatura per l’industria petrolifera. Hanno anche interessi nella produzione di greggio e delle infrastrutture. Si classifica al 95° posto nella classifica globale dei billionaires di Bloomberg.

Del Vecchio è il fondatore e principale azionista del milanese Gruppo Luxottica, la più grande azienda di occhiali al mondo, e l’operatore della Sunglass Hut e catene di negozi LensCrafters. posto Si classifica al 41° posto nella classifica globale dei billionaires di Bloomberg. Possiede anche partecipazioni nel fondo immobiliare francese Foncière des Régions, nella compagnia assicurativa Assicurazioni Generali e nella banca UniCredit.

Miuccia Prada è la nipote del fondatore di Prada Mario Prada. Si classifica al 197° posto nella classifica globale dei billionaires di Bloomberg. Lei possiede il 28 per cento della società. Con il marito, il ceo di Prada Patrizio Bertelli, che ha supervisionato la casa di moda dalla fine del 1970, gestendo la sua espansione a livello mondiale e l’aggiunta di nuovi prodotti, marchi e punti vendita. Le azioni di Prada hanno iniziato ad essere negoziate all’Hong Kong Stock Exchange nel 2011.

Aponte ha sorpassato l’amministratore delegato del gruppo Prada, che scivola alla 197° posizione della classifica di Bloomberg. Poco prima di Natale Prada ha fatto parlare di sé per aver riportato in Italia le società di controllo basate finora in Olanda e Lussemburgo, e in generale tutte le attività basate all’estero, con una procedura di “autodenuncia volontaria”. La classifica di Bloomberg riporta anche il calo del patrimonio di re Giorgio, che comunque rimane più ricco di Berlusconi. Sopra di lui, secondo la classifica del gruppo americano, di italiani ci sono solo Ferrero, Del Vecchio e Paolo Rocca.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.