L’Italia è sempre più povera. Nel 2013 4 milioni di persone senza cibo, altro che ripresa…

italiani senza cibo

Con un aumento del 47% rispetto il 2010, gli italiani che hanno richiesto aiuto per mangiare sono stati quasi 4,1 milioni.

 

L’emergenza disagio continua a mietere vittime. Hanno superato i quattro milioni gli italiani costretti a chiedere aiuto per il cibo da mangiare, con un aumento del 47% rispetto il 2010 e del 10% rispetto l’anno scorso. 

L’allarmante dato è contenuto nel primo dossier, stilato dalla Coldiretti, “Le nuove povertà del Belpaese. Gli italiani che aiutano”Secondo quanto rivelato dall’associazione, gli italiani indigenti che hanno ricevuto, attraverso canali no profit, pacchi alimentari o pasti gratuiti, sono stati quasi 4,1 milioni. Circa 303.485 di questi nuovi poveri hanno potuto beneficiare dei servizi mensa, mentre 3.764.765 sono stati coloro che, vergognandosi, hanno preferito richiedere pacchi a casa.

La nota positiva è che, con la povertà, è aumentata anche la solidarietà: nel 2013 si contano 15.067 strutture periferiche promosse da ben 242 enti caritativi che, a loro volta, fanno riferimento a 7 organizzazioni ufficialmente riconosciute dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura. 

In genere i pacchi di cibo contengono i beni di prima necessità come formaggio, pasta, biscotti, latte e riso. Talvolta è possibile trovarvi anche olio di girasole e scatolame, quando non confetture.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.