Il gas italiano nelle mani cinesi: quali saranno le conseguenze per i cittadini?

rete gas ai cinesi mini

Vendere il 30% della Rete Gas ai cinesi, come scritto da Facile, è una follia che solo il Paese dei balocchi poteva commettere. Quali saranno le conseguenze per i cittadini italiani?

 

Le reti italiane di luce e gas saranno possedute al 10% dallo Stato cinese in cambio di circa 2 miliardi di euro. Questo in sintesi l’accordo tra Cassa Depositi e Prestiti (CDP), controllata dal Ministero dell’economia, e la State Grid Corporation of China (SGCC), una società controllata dal governo cinese.

Nello specifico, l’operazione prevede che SGCC compri il 35% di CDP Reti, una società che controlla il 30% di Snam Rete Gas, l’operatore della rete del metano nazionale, di Terna, l’operatore di quella elettrica. Non si tratta del primo investimento cinese nel settore energetico del nostro Paese: il governo di Pechino ha infatti comprato negli ultimi anni poco più del 2% di Eni ed Enel e oltre al 40% di Ansaldo Energia, un società che costruisce centrali energetiche e impianti. Quest’ultima operazione prevede due partnership per costruire impianti in Cina.

Negli altri casi, dalle reti a Eni ed Enel, le partecipazioni cinesi sono di assoluta minoranza e rappresentano essenzialmente degli investimenti finanziari. Neanche volendo, infatti, darebbero diritto a prendere decisioni nella gestione delle aziende, che restano tutte e quattro a controllo pubblico. In particolare , per quanto riguarda le reti, un’ulteriore garanzia per i consumatori è rappresentata dal fatto che le reti energetiche sono strettamente controllate e regolate dall’Autorità per l’Energia, che ha il potere di intervenire per impedire eventuali abusi.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.