Il 2014 sarà più caro di oltre mille euro a famiglia, altro che tagli e ripresa

2014 aumenta tasse di oltre 1000 euro a famiglia

I settori in cui ci sarà un maggiore aumento dei prezzi sono quello alimentare, trasporti, carburanti, polizze di assicurazione e servizi bancari – In aumento anche il costo dell’elettricità: dal primo gennaio +0,7% – Adusbef e Federconsumatori: “Gli aumenti legati anche a sprechi, inefficienze e clientelismo”…

 

Se le famiglie italiane si impoveriscono non è solo perché con la crisi economica entrano in casa meno soldi ma anche perché con la corsa dei prezzi e delle tariffe ne escono dalle tasche sempre di più, e nuovi rincari sono già in agguato nel 2014. Secondo i calcoli di Adusbef e Federconsumatori la stangata complessiva sarà di 1.384 euro per la famiglia media. E questo riguarda solo gli aumenti già programmati per la prima parte dell’anno (il loro effetto è calcolato su tutti i dodici mesi).

Le associazioni dei consumatori scompongono i rincari così. Nel settore alimentare i prezzi aumenteranno del 5% per un costo annuo di 327 euro a famiglia, mentre i trasporti subiranno un aggravio di 81 euro, i carburanti di 108 euro, le polizze di assicurazione auto di 53 euro, i servizi bancari di 61 euro, e queste e altre voci sommate porteranno la batosta totale a 1384 euro.

Come mai tanti rincari mentre l’economia italiana ristagna e i prezzi (in teoria) non dovrebbero aumentare? Le ragioni di questi nuovi aumenti, accusano Adusbef e federconsumatori, «non sono solo legate alle solite volontà speculative ma anche a nodi irrisolti della nostra struttura economica, in tema di competitività e di oppressione burocratica» e ai «servizi pubblici che scaricano sprechi, inefficienze e clientelismo su prezzi e tariffe»; le due associazioni dicono che quelli in arrivo sono «aumenti insostenibili che determineranno nuove e pesantissime ricadute sulle condizioni di vita delle famiglie e sull’intera economia, che dovrà continuare a fare i conti con una profonda e prolungata crisi dei consumi».

In certi casi si tratta di rincari modesti, che però si vanno ad aggiungere ad altri salassi e così complicano la situazione. È il caso dell’aumento dell’elettricità fissato per il primo gennaio: +0,7%, secondo quanto ha stabilito l’Autorità per l’energia, che calcola un aggravio medio per famiglia di 4 euro (invariate invece le bollette del gas). È poca roba, però piove sul bagnato.

Fra tanti rincari arriva però una nota positiva dalle Poste. La società è stata autorizzata dall’Agenzia per le comunicazioni ad aumentare il costo minimo dei francobolli della posta ordinaria del 36% e quelli delle lettere raccomandate del 50% nel giro dei prossimi due anni. Ma un conto è autorizzare i rincari e un conto è deciderli, cosa che possono fare solo le Poste. E ieri Romolo Giacani, responsabile dei rapporti con i consumatori, assicurava che la società «non ha intenzione di aumentare le tariffe. Non c’è in programma alcun aumento». 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.