750 euro al mese per tutti: in Finlandia preparano il “reddito universale”

Kick Bike a Helsinki, Finlandia

Kick Bike a Helsinki, Finlandia

“Il lavoro deve diventare una scelta di vita e con 1.000 euro al mese si può decidere di condurre un’esistenza modesta ma completamente dedita al tempo libero, alla famiglia, agli amici, al godersi la vita come meglio si crede”. Questo è il fantastico progetto di Juha Sipila, primo ministro della Finlandia.

È noto come i paesi del Nord Europa abbiano un sistema di welfare ai massimi livelli, che protegge e sussiste i residenti. Ma ciò il programma di “Basic Income” – reddito di cittadinanza – che sta mettendo in campo il primo ministro Juha Sipila, in carica dal 29 maggio scorso, è qualcosa di assolutamente rivoluzionario.

Juha Sipila, il primo ministro finlandese

Juha Sipila, il primo ministro finlandese

Implement A Basic Income Experiment” (qui il pdf in lingua originale) è il primo esperimento di reddito di cittadinanza universale che vuole portare fino a 1.000 euro per tutti i cittadini, a prescindere dalla loro età o situazione sociale, rendendo di fatto il lavoro una “scelta di vita”.

I DETTAGLI DELLA PROPOSTA

La Finlandia è il paese migliore dove vivere con i bambini

La Finlandia è il paese migliore dove vivere con i bambini

Nonostante manchi ancora l’ufficialità sono trapelati i dettagli della proposta di Sipila, che consiste nel trasformare gradualmente il sistema di welfare in un sistema di reddito minimo. Tutti gli adulti sarebbero retribuiti con reddito di base mensile di € 620, che è il salario indicizzate. In aggiunta a questo reddito base è possibile richiedere una sovvenzione condizionale di € 130 (in casi di disoccupazione, malattia, studio, congedo parentale e assistenza all’infanzia), per un totale di 750 €.

LA FORZA DELLA FINLANDIA

Grazie al petrolio, il Governo di Helsinki ha un Pil pro capite superiore a quello di Germania e Francia e il rapporto tra debito e Pil è del 59,3%, superiore del 20% rispetto a nove anni fa. Parliamo di un paese virtuoso, ricco,dove tutti pagano le tasse e dove burocrazia e macchina amministrativa hanno subito un notevole restyling, fatto anche di tagli al personale. Le riforme, quelle vere, sono state tutte realizzate.

Ecco perché sinistra e destra si trovano d’accordo nel portare avanti il programma di “Basic Income”. Gli scettici lo ritengono una follia, preoccupati come sono di un’esplosione del debito ma il primo ministro Sipila vuole andare avanti a tutti i costi. E fa bene.

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un mi piace o un commento.

Ragazze finlandesi all'Ilosaari Rock Festival di Joensuu

Ragazze finlandesi all’Ilosaari Rock Festival di Joensuu

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.