“3 miliardi di tasse nel 2015”: studio della Cgia lancia l’allarme

matteo-renzi-tasse cgia studio

“Speriamo nel taglio della spesa pubblica improduttiva, altrimenti nel 2015 gli italiani rischiano di subire un aumento automatico delle imposte di 3 miliardi di euro”: a darne notizia è il segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi. Ecco come è giunto a questa conclusione.

 

Tutto ruota attorno alla cosiddetta “spending review”. Secondo il Def approvato nella primavera scorsa, nel triennio 2014-2016 c’è l’impegno del Governo di tagliare a regime la spesa pubblica per un importo di 32 miliardi di euro. Per l’anno in corso, segnalano dalla CGIA, l’obbiettivo è di raggiungere una riduzione delle uscite di 4,5 miliardi di euro. La situazione diventa ancor più impegnativa per gli anni a venire.

Nel 2015 il Governo ha deciso di tagliare la spesa pubblica di 17 miliardi di euro, con un impegno minimo da raggiungere che non potrà essere inferiore ai 4,4 miliardi di euro.

Nel caso il Governo non sia in grado di centrare questo obbiettivo minimo, scatterà la cosiddetta  “clausola di salvaguardia”. In altre parole, a fronte del mancato taglio della spesa, i contribuenti saranno chiamati a sopportare un aggravio fiscale di 3 miliardi di euro, a seguito della riduzione delle agevolazioni/detrazioni fiscali e all’aumento delle aliquote, mentre i ministeri dovranno razionalizzare la spesa per un importo di 1,44 miliardi di euro.

In buona sostanza – prosegue Bortolussi – il meccanismo è a dir poco diabolico. Il Governo non sarà grado di chiudere gli enti inutili, di risparmiare sugli acquisti, di tagliare gli sprechi e gli sperperi che si annidano nella nostra Pubblica amministrazione? Nessun problema, a pagare il conto ci penseranno in particolar modo i contribuenti italiani che già oggi subiscono un carico fiscale tra i più elevati d’Europa”.

Nel 2016, 2017 e 2018 le risorse già impegnate dal taglio della spesa pubblica ammontano rispettivamente a 8,9, 11,9 e 11,3 miliardi di euro. Il conseguimento di questo risparmio di spesa è garantito, lo ripetiamo, da apposite clausole di salvaguardia, che consistono nel taglio delle risorse a disposizione dei Ministeri, e, in particolar modo, da un aumento della tassazione di 7 miliardi di euro nel 2016 e di 10 miliardi di euro nel 2017.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.