Video shock, la Germania si riscopre nazista: ecco le immagini della Guantanamo tedesca

Skandal  Die Folter Wachmänner von Burbach

Il lupo perde il pelo ma non il vizio. E nella Germania che fa lezioni morali e civili al resto d’Europa viene fuori uno scandalo senza precedenti: i centri per rifugiati trasformati in strutture violente, gestite da ex nazisti e ex agenti della Stasi. A confronto, Guantanamo è un centro per mammolette: ecco le foto scioccanti e il video che stanno mettendo in imbarazzo il Governo tedesco guidato dalla Merkel.

  

Siamo a Burbach, nel Nordreno Westfalia. Nel centro di accoglienza per rifugiati il solito tran tran: violenze e botte da orbi. Tutto immortalato in un video che, questa volta, finisce nelle mani della polizia e dei giornali.

Apriti cielo: la Merkel e i suoi ministri vengono travolti dallo scandalo, accusati di aver coperto la “Guantanamo tedesca”, gestita da ex nazisti e ex agenti della Stasi. Ma il punto è che la civile e moralistica Germania si riscopre terribilmente nazista: non è, infatti, il primo caso di questo tipo e nel Nordreno Westfalia siamo già al terzo centro per rifugiati finito agli onori delle cronache per queste porcherie.

Dalle analisi del video, dove si vedono chiaramente i maltrattamenti commessi dalle guardie, spunta fuori l’esistenza di una «stanza dei problemi» dove venivano chiusi i rifugiati ubriachi: lasciamo immaginare ai lettori il seguito.

Il portavoce di Angela Merkel si è subito affrettato a dire che «siamo un Paese umano, dove la dignità delle persone è rispettata», anche di quei 100 mila immigrati arrivati in Germania dall’inizio dell’anno e che giungono per richiedere asilo politico. Secondo il governo entro fine 2014 ne arriveranno almeno altrettanti. Evidentemente c’è più di qualcuno a cui questa situazione non piace e che decide di risolvere, alla maniera nazista, il problema.

Molto umanamente.

Guarda le foto della Guantanamo tedesca.

{oziogallery 818}

Guarda il video della Guantanamo tedesca.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.