Social network e hi tech, quando il bullismo è in presa diretta

bullismo hi tech quando la violenza è in presa diretta

Digita “Youtube” su Google, “scazzottata” nel sito e il Fight Club a scuola si presenterà davanti ai tuoi occhi in tutta la sua crudezza. Un disabile? Prendilo in giro per le sue condizioni fisiche o mentali…un “secchione”? Burlati delle sue capacità….un ragazzo timido e introverso? Picchialo più che puoi…e mi raccomando riprendi tutto con il telefonino, altrimenti non c’è sfizio. Il bullismo iTech è l’ultima frontiera della violenza giovanile, sempre più brutale e immotivata.

 

Leggendo certe notizie, si rimpiange il classico bullo che fa scherzi, piuttosto pesanti, e che strapazza un po’ il malcapitato. Il tipico ragazzo represso, isolato da tutto e da tutti, che alla fine si rivela una pecora che si maschera da lupo. Lo scolaro che fa la voce grossa e la posa da duro, ma che in quattro e quattr’otto lo puoi calmare o riportare sulla strada corretta. L’incubo dei nostri genitori.

Adesso il bullo si è evoluto. Non in bene, sia chiaro, ma in male. Ora preferisce picchiare e mettere in rete le sue “prodezze”, farsi bello con gli altri, facendo visionare il proprio materiale filmico, magari commentando il suo pugno o le grida della sua vittima.

Motivato, e aggiungo anche “motivata”, da una rabbia incontrollata e aggressiva, il secchione o il rivale del gruppo si ritrova al centro di una vendetta, spesso infondata, che lo travolge senza un se e senza un ma; cioè senza poter capire il senso di quella violenza, anche per cose futili, quali un’occhiata o un gesto inconsapevole.

E’ veramente triste leggere le testimonianze di chi ha subito la furia cieca di ragazzi che giocano troppo spesso a fare gli adulti, scavalcando le antiche tappe di crescita e affermandosi con il pugno piuttosto che con l’intelligenza. Internet serve anche a questo, a far conoscere la propria esperienza e aiutarsi nel superare certi orrori della vita.

E non sono solo i maschi a essere bulli, anche le ragazze, stimolate in una rivalità forsennata, si sono trasformate in moderne Drughe, le omologhe dei più famosi Drughi di Arancia Meccanica. Citare dati e statistiche non serve e sarebbe una lista di numeri che potrebbe non essere compresa appieno.

Chiunque voglia conoscere tali realtà ha a disposizione il Web che se usato con coscienza è un’arma fondamentale contro le piaghe e i vizi del mondo moderno. Informarsi è un diritto, per i genitori quanto per i figli, i quali potranno agevolmente difendersi e affrontare la vita sociale serenamente.

La tecnologia è utile e anche bella, esteticamente, ma usata in maniera sconsiderata crea molti moltissimi danni. Una cattiva educazione può aggravare ancor di più la situazione, degenerando nel bullismo Itech. 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.