Risparmiare su luce e gas si può. Ecco come fare

bollette luce e gas ecco come risparmiare

Risparmiare è un obiettivo di ogni famiglia in questo periodo di crisi, ed è più semplice di quanto si possa pensare.

 

Risparmiare luce e gas è un obiettivo di ogni famiglia in questo periodo di crisi. Al risparmio di energia in casa abbiamo dedicato un intero speciale ma continuiamo a darvi altri utili consigli per risparmiare sulle bollette. E’ più semplice di quanto si possa pensare, leggiamo su un articolo pubblicato sul sito de La Stampa. Ci è sembrato davvero interessante e per questo ve lo riproponiamo schematizzato in punti. Secondo Facile.it, comparatore leader del settore, ogni famiglia italiana tipo spreca in media 200 euro l’anno tra luce e gas:gli sprechi sono legati soprattutto alle cattive abitudini degli italiani in fatto di energia. Per non sprecare denaro bastano pochi e semplici regole.

Cuocete le pietanze usando il coperchiocuocere senza coperchio infatti costa 5 euro in più sulla bolletta.

COME TAGLIARE IL COSTO DELLE BOLLETTE. Risparmierete ben36 euro se chiuderete il rubinetto dell’acqua calda anziché lasciarla scorrere a vuoto.

Utilizzare la pentola a pressione fa risparmiare 8 euro; staccare il frigorifero di qualche centimetro dal muro 23 euro.

Tenere aperto o chiudere male frigo e freezer fa registrare sulla bolletta dell’elettricità 21 euro in più durante all’anno; usare un piano cottura elettrico invece che uno a gas è uno spreco: 19 euro in più ogni anno.

Usate di più il forno a microonde, per il riscaldare e scongelare gli alimenti: 33 euro guadagnati rispetto all’uso del forno tradizionale.Una tazza di tè o di latte, ad esempio, è meglio scaldarla al microonde che sul gas, si risparmiano 16 euro sulla bolletta annuale.  COME RISPARMIARE SUL RISCALDAMENTO.Veniamo al riscaldamento: evitate di programmare la temperatura della casa a 20°/21° e preferite invece abbassare di un grado la temperatura costante, in questo modo risparmierete ben 120 euro all’anno.

Eliminare lo stand by di alcuni elettrodomestici significherebbe 56 euro in meno, spegnere le luci nelle stanze anche solo un’ora al giorno, quando non necessario, altri 30 euro, mentre staccare il caricatore del cellulare dalla presa una volta che il telefono ha raggiunto la carica o se il telefono non è collegato al cavo ben 1,5 euro.

Basta poco, insomma: con un po’ di attenzione queste semplici abitudini diventeranno quotidiane: vedrete i risultati sulle prossime bollette!

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.