Papa Francesco Superstar, donazione monstre in favore dei rifugiati iracheni

papa francesco superstar mini

Altro che Luciana Littizzetto, verrebbe da dire. Se la “valletta” di Fabio Fazio ha donato 100 euro in favore della ricerca contro la Sla, Papa Francesco si è trasformato in vero benefattore per aiutare i rifugiati iracheni: ecco a quanto ammonta la cifra, come riportato da Fanpage.

 

Un milione di euro, un “contributo personale”, quello che Papa Francesco ha fatto arrivare ai rifugiati iracheni in Kurdistan, ovvero a sostegno dei cristiani e le altre minoranze religiose dell’Iraq costrette a scappare dalle loro casa. Lo ha riferito l’inviato del pontefice in Iraq, il cardinale Fernando Filoni. Il contributo del Papa “è stato distribuito per il 75% alle comunità cattoliche e per il 25% alla minoranza yazida”, afferma Filoni. “Un cristiano sa dare. La sua vita è piena di atti generosi – ma nascosti – verso il prossimo” è la frase di Papa Francesco comparsa qualche giorno fa in un tweet sull’account Pontifex.

L’AIUTO DEL PAPA ALLE COMUNITÀ CATTOLICHE PERSEGUITATE – Il cardinale Filoni, che è stato a Erbil dal 12 al 20 agosto e ieri ha riferito della sua missione a Papa Francesco, in una intervista alla Catholic News Agency al rientro da una missione nella regione ha raccontato di di aver portato con sè un decimo della somma. Il Papa, ha aggiunto Filoni, “mi ha dato una missione umanitaria, non diplomatica, e questo è quanto ho sottolineato con le autorità irachene”.

In interviste con tre giornali italiani – Corriere della Sera, Avvenire e Repubblica – il cardinale aveva suggerito oggi una missione di caschi blu a protezione dei profughi cristiani costretti dall’Isis a scappare dalle proprie case. Filoni si era anche soffermato sulla minaccia delle organizzazioni terroristiche islamiche: “Questi gruppi operano mostrandosi ben forniti di armi e di denaro. La domanda è come sia possibile che questo passaggio di risorse sia sfuggito a chi ha il dovere di controllare”. 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.