Follie da ubriachi: “Niente etilometro senza un avvocato”. Storia di un 20enne sbronzo alla guida

 etilometrocarabinieri

Quando ti fermano in macchina e sei sbronzo potresti fare come questo 20enne geniale: “Niente etilometro senza un avvocato.” Risultato: ecco come gli è andata…

 

Un automobilista che, fermato dalle forze dell’ordine, risulti visibilmente in «stato di alterazione» non può essere sottoposto all’alcoltest, senza essere «preventivamente» avvertito della «facoltà di farsi assistere da un difensore di fiducia». Altrimenti «l’ accertamento» sul suo tasso alcolemico è nullo e non vale come prova nel processo. È l’innovativo principio stabilito da una sentenza del gup di Milano, Donatella Banci Buonamici, che ha assolto un giovane di 20 anni che, malgrado guidasse con «occhi lucidi ed alito vinoso» ed era stato trovato «positivo» all’etilometro, non era stato avvisato del diritto di nominare un legale prima del test.

«Finalmente anche il Tribunale di Milano con questa fondamentale sentenza ha messo un argine all’uso indiscriminato dell’etilometro da parte degli agenti ai fini della prova del reato di guida in stato di ebbrezza», hanno commentato gli avvocati Stefano Gallandt e Roberto Enrico Paolini del Foro di Milano, che assistevano il giovane.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.