Essere astemi fa male: incredibile ricerca di Kari Poikolainen

Bradley Cooper è noto per essere astemio. Qualcuno lo avvisi che fa male...

Bradley Cooper è noto per essere astemio. Qualcuno lo avvisi che fa male…

Kari Poikolainen, scienziato finlandese, ha dimostrato che essere astemi fa male. Ecco i dettagli della sua incredibile ricerca.

Kari Poikolainen è dottore in scienze mediche, professore aggiunto dell’Università di Helsinki, Finlandia, e in passato ha collaborato anche con l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Kari Poikolainen

Kari Poikolainen

Non siamo di fronte, quindi, ad uno sprovveduto ma piuttosto ad un esperto in materie medico-scientifiche. Con particolare specializzazione su cause e conseguenze dell’assunzione di alcool, di cui ha scritto in oltre 290 pubblicazioni.

Quello che ha dichiarato tempo fa al Daily Mail sta facendo molto discutere:

“Stando alle prove, bere moderatamente è meglio che essere astemi. Tuttavia gli importi possono essere superiori a quello che le linee guida dicono.”

UN BICCHIERE A TAVOLA? MEGLIO UNA BOTTIGLIA

Un bicchiere si è trasformato in una bottiglia

Ma le rivelazioni di Poikolainen non si fermano certo qui.

Partendo dal presupposto che – secondo lui – bere vino diventa pericoloso solo quando si superano le 13 unità, è inutile trattenersi.

E si può bere anche una bottiglia al giorno, che di unità ne contiene appena 10.

Capito il concetto? Siamo passati da “un bicchiere a tavola fa bene” a “una bottiglia a tavola fa bene”.

Un notevole cambio di prospettiva alcolica.

LE CRITICHE

Julia Manning, del think-tank 2020Health, ha apostrofato il contributo di Kari Poikolainen come inutile:

Julia Manning

Julia Manning

“Fa delle grandi affermazioni per le quali però non abbiamo prove. L’alcol è una tossina, e i rischi superano i benefici.”