Come donare il sangue, la guida per diventare donatori e salvare le vite degli altri

come donare sangue mini

Sabato 14 giugno ricorre la decima “Giornata Mondiale del donatore del sangue”, istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel giorno dell’anniversario della nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni e coscopritore del fattore Rhesus. Ecco come donare il sangue per diventare donatori e salvare la vita degli altri.

 

Il tema scelto per l’edizione di quest’anno è “Sangue sicuro per salvare le madri”, che si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sull’importanza di garantire sempre e ovunque l’accesso al sangue e ai suoi componenti per prevenire i decessi materni, provocati da complicazioni legate al parto o per forti sanguinamenti durante o dopo il parto.

Istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, nel giorno dell’anniversario della nascita di Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni e coscopritore del fattore Rhesus, questa ricorrenza ha assunto negli anni un significato sempre più profondo, rappresentando un’occasione per ribadire a livello globale l’importanza di compiere un gesto semplice ma fondamentale come quello del dono.

COME DONARE IL SANGUE – I NUMERI IN ITALIA

Per quanto riguarda l’Italia, i donatori sono un milione e 690 mila individui, ovvero il 4,4% della popolazione compresa tra i 18 e i 65 anni. Tra le regioni che coprono meglio il fabbisogno di sangue attraverso le donazioni  Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna e Basilicata.

Negli ultimi anni, oltre alla donazione di sangue intero, hanno assunto sempre più importanza le donazioni dei singoli emocomponenti ( plasma e piastrine soprattutto ). “Un aspetto fondamentale – continua Petrucciani – connesso con le donazioni di sangue ed emocomponenti è la necessità di orientare la raccolta in modo da garantire scorte costanti tenendo sotto controllo le variazioni dei consumi per ogni tipologia di emoderivato.

Un elemento fondamentale di questa rete è l ‘AgenDona, strumento preziosissimo con cui il donatore può prenotare la sua donazione, avendo la certezza della donazione in tempi brevi e senza fare code e, contemporaneamente, contribuendo all’attività di programmazione e monitoraggio. 

COME DONARE IL SANGUE – CHI PUO’ FARLO E COME

Donare sangue, lo ricordiamo, è un gesto semplice: può farlo qualsiasi adulto in buona salute, con un’età compresa tra i 18 e i 60 anni ( limiti di età per effettuare la prima donazione ) e con un peso superiore a 50 chili. Dopo un colloquio preliminare con il medico, vengono effettuati un’accurata visita medica e tutti gli accertamenti clinici necessari per valutare l’idoneità alla donazione.

Tutti gli esami sono gratuiti ed hanno il duplice scopo di tutelare sia la salute del donatore sia quella del ricevente. Perciò, chi sceglie di donare, ha anche l’opportunità di farsi visitare ad intervalli regolari ed eseguire una serie di esami di base, utili per tenere sotto controllo il proprio stato di salute. 

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.