Birra, ecco i 10 falsi miti svelati dal campione del mondo dei sommelier

Birra e falsi miti, ecco i 10 da sfatare

Birra e falsi miti, ecco i 10 da sfatare

Birra e falsi miti, ecco i 10 luoghi comuni sulla “bionda” sfatati dal campione del mondo dei sommelier Sebastian Priller-Riegele.

Sebastian Priller-Riegele è il campione del mondo dei sommelier, titolo vinto nel 2011. Ed è proprio lui a raccontare alla Bild i 10 falsi miti della birra. Vediamo insieme quali sono.

1. BIRRA E VINO PER NON UBRIACARSI – In Germania c’è un detto che consiglia di bere il vino dopo la birra per non soffrire in modo eccessivo l’eccesso di alcol. In realtà il modo migliore per bere la birra e non accusare un’eventuale sbornia è concedersi un bicchiere d’acqua dopo due boccali, al fine di diluire l’alcol nel sangue.

2. COME SPILLARE UNA BIRRA – Per spillare una birra nel modo migliore possibile ci vogliono tre minuti. In questi minuti la birra versata nel boccale si stabilizza, e si può gustare nel modo migliore la schiuma che si forma dopo averla spillata. Durante le serate oppure le feste della birra è però particolarmente arduo seguire questa tempistica.

3. LA BIRRA CALDA AIUTA CONTRO IL RAFFREDDORE – Questa credenza particolarmente diffusa in Germania è vera. L’orzo contenuto nella bevanda alcolica aiuta contro i problemi respiratori, e la sua circolazione nel sangue rafforza il nostro sistema immunitario. Per bere birra calda contro il raffreddore pul essere utile aggiungere sostanze come il miele, ad esempio.

4. LA BIRRA CONTIENE MOLTE CALORIE – Per essere una bevanda alcolica la bionda è relativamente leggera. L’impatto calorico della birra è piuttosto limitato, visto che un bicchiere da cento millilitri ne contiene circa cinquanta. Uno di vino invece cento, come uno di succo, mentre per altre bevande a maggior tasso alcolico le calorie crescono.

5. LA BIRRA DEL MATTINO CONTRO LA SBORNIA – Un mito falso sulla bionda riguarda il suggerimento di berne una al mattino per riprendersi dalla sbornia della sera precedente. In realtà per dare sollievo al corpo che soffre per l’eccessivo alcol serve l’acqua e un’alimentazione basata su frutta fresca o cibi leggeri. Niente birra.

6. LA PANCIA DA BIRRA NON ESISTE – La bionda non fa ingrassare, e di conseguenza la cosiddetta “pancia da birra” non dipende da questa bevanda alcolica. Ovviamente questa considerazione vale per chi beve quantità modiche di birra, mentre chi ne ingurgita a litri ogni giorno ingrassa. Ingrasserebbe di più però se bevesse simili quantità di altri alcolici come il vino.

7. TROPPA BIRRA ANALCOLICA FA UBRIACARE– Bere l’analcolica non può in realtà far ubriacare. La quantità di alcol contenuta in questa bevanda è più bassa rispetto a quella che si trova per esempio in una banana. Berne in dosi eccessive può però provocare momenti di eccitazione non dipendenti dall’effetto dell’alcol, ma dalle forti quantità.

8. LA BIRRA DI FRUMENTO RENDE PIÙ UBRACHI – La birra di frumento non fa ubriacare di più rispetto alla birra d’orzo, anche se è vero che questo tipo di bevanda provochi sensazioni più forti.

9. LA BIRRA PEGGIORA – La bionda non peggiora, anche ci sono diversi tipi di questa bevanda che rendono differente il gusto. Le birre Pilsener per esempio hanno un gusto migliore quando sono fresche, e dopo un po’ di tempo perdono sapore e sono meno piacevoli da bere. Altri tipi di birre invece sono come il vino, ovvero migliorano col tempo.

10. DUE BIRRE PER GUIDARE – Si può guidare dopo aver bevuto due birre piccole, ma bere due medie o boccali più grossi non è indicato se si vuole utilizzare successivamente l’automobile. Il corpo può smaltire in diverse ore questa quantità di birra, ma è preferibile fare il passeggero dopo aver bevuto birre in quantità “festose”.

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.