“Ad Amsterdam non si fuma più”: la Cannabis Cup boicottata dal Comune e cacciata dalla Capitale

cannabis cup disastro

La tragica notizia, riportata da Massimiliano Sfregola per Il Fatto Quotidiano, sta scatenando milioni di fumatori in tutto il mondo: ecco cosa sta succedendo ad Amsterdam e come la politica olandese ha deciso di “uccidere” la Cannabis Cup. Per sempre.

 

Massimiliano Sfregola, blogger del Fatto Quotidiano, ha mandato in tilt la rete con una notizia sconcertante sulla Cannabis Cup. Ecco cosa ha scritto.

“Ma andiamo per ordine. Cos’è la Cannabis Cup? Si tratta di una manifestazione organizzata ogni anno da High Times, leggendaria pubblicazione americana, che dagli anni ’70 promuove la cultura della canapa. Fin qui la storia, ora la cronaca: a due giorni dall’inizio della fiera nel luogo prescelto, funzionari del comune di Amsterdam si sarebbero accorti di “irregolarità” nella presentazione della domanda ed hanno deciso, 48 ore prima, con pass e biglietti venduti da mesi e migliaia di persone giunte da mezzo mondo, di non concedere la licenza.

Quelli di High Times non sono proprio sconosciuti all’amministrazione comunale: sono infatti gli stessi che hanno presentato già 26 volte dal 1987 quella domanda misteriosamente, e senza appello, oggi cassata. Che si fa allora? Migliaia di persone, soprattutto quelli volati da oltreoceano, che hanno pagato anche 250 dollari per un pass, aspettavano una risposta e mentre in rete cominciava a montare il malcontento di avventori e giurati due locali si sono allora fatti avanti per ospitare la fiera, ormai clandestina, ma entrambi hanno dovuto recedere: pare che il comune li abbia contattati minacciando di sospendere loro la licenza qualora avessero ospitato l’evento.

Domenica mattina il colpo di scena: la Cup ha trovato una nuova sede. Il Melkweg, uno storico spazio socio-culturale nel cuore di Amsterdam, si è detto disposto ad ospitare la fiera: fino ad oggi, ed ogni anno sempre più mal volentieri, il locale aveva accolto solo la serata conclusiva della Cup ma per venire incontro all’emergenza, hanno deciso allora di fare un’eccezione agli ed aprire le porte dalla domenica.

Ma il “gatto e topo” tra comune ed organizzatori non è finito qui: la carovana di High Times non ha fatto in tempo a stringere le ultime viti dei tavoli per gli espositori che ecco arrivare la seconda doccia gelata: la polizia è alle porte del Melkweg con un’ordinanza del sindaco che impone di terminare immediatamente la manifestazione. Gli agenti sottolineavano di avere ordine di arrestare tutti qualora si fossero rifiutati di obbedire.”

Continua a leggere sul Fatto Quotidiano

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.