Grecia: la “crisi” vista da un vicolo

di Occupy Italy

La polizia sta caricando manifestanti disarmati utilizzando moto all’interno di un vicolo e granate fumogene mentre arrivano di corsa come neanche gli Unni di Attila. C’è una repressione in atto in quanto il cittadino non ha piu’ la protezione del suo Stato a nessun livello, da quello monetario a quello di supporto della polizia libertà di parola ed espressione. Ancora peggio ci sono segnalate dai greci in streaming forze militari straniere all’interno della nazione probabilmente coinvolte nelle attività di pestaggio.

occupy_greeceMa la cosa peggiore è che li spaventano appositamente per non farli uscire di casa oppure per render loro difficile la concentrazione, bloccandoli nei vicoli, o se arrivano alla piazza, utilizzando lacrimogeni e fumogeni e agenti provocatori, tutto questo per dimostrare a tutti il mondo che sono ancora liberi e fare delle foto tarocche sui giornali, ecco la prova con delle foto fatte durante uno streaming.

194 persone ormai disqualificate, ad ogni effetto di umano buonsenso, da ogni tipo di pretesa di rappresentatività per il bene dello stato. Stanno svendendo la sovranità economica del paese e delle sue risorse a terzi non identificati ufficialmente.

Questo contravviene al concetto stesso di stato, danneggiare il proprio paese.

Addirittura eroi nazionali 90enni sono scesi in strada contro questo scempio, e la dice lunga, come nel caso di Manolis Glezos.

Lasciamo il commento finale ad un album di foto di speranza almeno, dove si vede quanto il mondo non sia ingenuo e disorganizzato contro la censura e abbia capito lo stesso nonostante giornali e tv, manifestando il loro dolore e conforto in questo duro momento e a come i greci hanno voluto ringraziare, commossi e inorgogliti dal suscitare tanta ammirazione.

LEGGI ANCHE

Rimosso dal sito del parlamento europeo il file ufficiale del Meccanismo di Stabilità europeo.

La Grecia non cederà il controllo sul proprio budget all’Unione Europea

Fino al 31 dicembre 2016 puoi attivare una copertura per il rischio terremoto con sconti fino al 50%.